Excite

Disoccupazione e crisi araba tengono ancora sulle spine Wall Street

Giornata incerta quella di ieri per i mercati USA, anche se sul finire tutti i principali indici hanno chiuso in positivo nelle prossimità di importanti aree di resistenza. Il Nasdaq ha riportato un rialzo dello 0,56%, l’S&P 500 dello 0,29%, mentre il Dow ha segnato un progresso dello 0,25%. A tenere sulle spine le borse USA e Europee sono state le notizie sul mondo della disoccupazione USA e sulla crisi nel mondo Arabo.

Dalle cifre di gennaio ci si attendeva una creazione di posti di lavoro maggiore di quella effettivamente registrata, ma il tasso di disoccupazione è migliorato ed è sceso, intanto, ai minimi di aprile 2009. Molti analisti addebitano tale diminuzione a una riduzione delle persone in cerca di lavoro. Ci sarebbero, cioè, molte più persone sfiduciate, che oramai hanno abbandonato la speranza di trovare un’occupazione. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro si trova, infatti, ai minimi di 26 anni. Altri commentatori, al contempo, ritengono, che ad essere diminuiti sono stati i licenziamenti. Di certo bisognerà attendere nuovi report per fare maggiormente chiarezza sulla questione.

Ma a tenere ancora banco c’è stata anche la crisi del mondo arabo. Sono giunte voci nelle sale operative che il presidente Mubarak sarebbe sul punto di dimettersi, anche se a certe condizioni. Starebbe valutando, in questi giorni, una “transizione morbida” a favore del suo vicepresidente Omar Suleiman. Precedenti aperture si erano già viste nei giorni scorsi in Giordania, dove il re Abdullah II ha sostituito il premier Samir Rifai con Marouf el Bakhit, per avviare un processo di riforme e calmare la piazza e in Algeria, dove il presidente Bouteflika ha deciso di rimuovere lo stato di emergenza che vigeva nel paese da 19 anni. Resta calda, invece, la tensione in Yemen, nonostante il presidente Ali Abdullah Saleh abbia accolto molte richieste dell’opposizione, compresa quella di non ricandidarsi alle prossime elezioni presidenziali del 2013.

(foto © Freedigitalphotos.net)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016