Excite

Aste di titoli di Stato: l’Italia e la Spagna ce l’hanno fatta!

Il Governo di Madrid è riuscito a piazzare 3 miliardi di euro in Titoli di Stato a 5 anni. Le richieste hanno superato di 2,1 volte l’offerta, mentre nella precedente asta di novembre si erano fermate a 1,6 volte. Il rendimento ha però mostrato un progresso al 4,452% dal 3,576% registrato in novembre. Congiuntamente l’IBEX 35, l’indice spagnolo, cresceva del 2,7%, arrivando a toccare 10,370.80, archiviando così le ultime tre deludenti sessioni di Borsa.

“La Spagna è stata in prima linea dietro al Portogallo, cosicché ogni cosa che riduce le possibilità di un salvataggio del Portogallo ha un positivo effetto di ritorno sulla stessa Spagna”, ha detto Philip Shaw, chef economist in Investec. Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha d’altronde dichiarato che la Germania è pronta a fare ciò che è necessario per sostenere l’euro e rafforzare il fondo di salvataggio. A contribuire alla crescita dell’Indice Spagnolo è stato la buona performance delle società finanziarie.

Anche l’Italia è riuscita a collocare 6 miliardi di euro di Titoli di Stato al 2015 e al 2026, il massimo del range di offerta che era indicato a 4-6 miliardi di euro, mentre l’indice FTSE Mib guadagnava lo 0,9% arrivando a toccare 21.308. Oggi, inoltre, la Banca d’Italia ha pubblicato il suo Bollettino mensile sulla finanza pubblica. E il contenuto non è certo confortante: il debito pubblico italiano, infatti, non smette di toccare nuovi record. A novembre, infatti, è salito a quota 1.869,9 miliardi di euro contro gli 1.867,3 toccati nel mese di ottobre.

(foto © freedigitalphotos.net)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016