Excite

Tempi duri per l'artigianato italiano

Crollano i finanziamenti alle piccole imprese. Il rallentamento dell'economia si abbatte in primo luogo sul comparto artigiano. Stando ai dati del rapporto relativo al 31 dicembre 2009 di Artigiancassa, l'istituto del gruppo Bnp-Paribas, le incidenze più basse si riscontrano in Campania e nel Lazio.

La prima vede un'incidenza dei finanziamenti alle imprese artigiane in rapporto ai finanziamenti totali, pari appena al 2%. Mentre nel Lazio la situazione è ancora peggiore, con un'incidenza di appena lo 0,9%. Con il 3,9%, la Sicilia rimane al terzo posto in questa classifica in negativo

Dati più positivi si registrano invece nel centro Italia. Prime fra tutte le Marche con l'8,2%, cui segue l'Umbria con il 7,6%. Per il terzo posto bisogna ora spostarsi nel Nord, nel Trentino Alto Adige, dove i finanziamenti artigiani sono pari al 7,5% dei finanziamenti totali.

Il rapporto di Artigiancassa rileva variazioni minime per quanto riguarda l'entità del fido, che passa da 40.800 euro in media a fine 2007 a 39.800 euro del 2008. Variazioni consistenti si registrano quando ci si scosta dal dato medio nazionale a quello regionale. Se nel Trentino Alto Adige il fido medio è di 102.600 euro, in Campania le imprese artigiane vengono finanziate con prestiti di appena 16.000 euro, il valore più basso d'Italia.

Altro dato interessante che emerge dall'analisi dell'istituto diretto dal sorrentino Giovanni Di Leva è la progressiva crescita del ricorso, da parte delle aziende artigiane, a finanziamenti a medio-lungo termine rispetto a quelli a breve, segnale questo di un'accresciuta maturità del comparto.

(foto © nove.aperion.cc)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016