Excite

Tasse sugli investimenti finanziari: tutte le aliquote settore per settore

La tassazione sugli investimenti finanziari ha subito diverse variazioni negli ultimi anni. In particolare dal primo luglio del 2014 ci sono stati dei cambiamenti piuttosto significativi in tal senso. I cambiamenti hanno riguardato azioni, bond, obbligazioni di vario genere, fondi pensione, conti deposito, ed altre tipologie di investimento finanziario. L’unica eccezione riguarda i titoli di Stato che rientrano nella cosiddetta White List. Questi titoli beneficiano ancora della tassazione privilegiata ferma al 12.50%.

    Getty Images

L'aliquota massima

Le modifiche, come è facile intuire, riguardano la tassazione sugli investimenti e quindi si tratta, in linea di massima, di aumenti di vario genere. Al momento i livelli di tassazione sono tre. Uno al 26%, uno al 12.50% e uno alla quota di 1.375%. Ogni livello di tassazione, quindi, ha i suoi investimenti.

Scopri come si comprano i titoli di stato

La tassazione massima è quella bloccata al 26% e riguarda soltanto due tipologie di investimenti. Da un lato ci sono i redditi di capitale che rientrano nell’articolo 44 del Testo Unico sull’Imposta dei redditi delle persone fisiche. Subiscono la stessa aliquota del 26% anche i redditi di capitale che rientrano alla voce redditi diversi dell’ex articolo 67 dello stesso testo unico di cui sopra.

Le aliquote minime

Più folto è il numero di investimenti che rientrano nella tassazione al 12.5%. Una tassazione vecchia che comunque ancora oggi riguarda milioni di risparmiatori italiani. In particolare in questa fascia rientrano le obbligazioni e alcuni titoli di Stato. Come già detto vi si possono trovare le obbligazioni ed i titoli di stato dei paesi che rientrano nella White List.

Scopri come far fruttare i Btp

Infine ci sono i titoli di risparmio dell’economia meridionale. Possono avvantaggiarsi dell’aliquota più bassa, 1.375%, gli utili provenienti da società con sede nella Comunità Europea o nello Spazio Economico Europeo. Anche in questo caso, però, devono essere obbligatoriamente inclusi nella white list. Queste nuove fasce rientrano nella Legge Delega per la Riforma Fiscale del 2011 che ha come obiettivo quello di incrementare la tassazione sulle operazioni di natura speculativa.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016