Excite

Tasse 2014: le scadenze più importanti

Il contribuente italiano ha chiuso un 2013 che, sotto il profilo dei tributi sulla casa, si è rivelato alquanto complesso. Il nuovo anno inizia denso di scadenze a cui si dovrà porre l'attenzione dovuta per non incorrere in spiacevoli sanzioni. La Iuc e altri balzelli sono tra le tasse del 2014 che presentano le scadenze più importanti.

    youtube.com

Imu e bollo auto, ma non solo

Il 2014 è iniziato da pochi giorni e già si profilano all'orizzonte date improrogabili per i contribuenti che vogliono essere in regola e non incorrere in more. Il 9 gennaio è il giorno in cui i soggetti Ires e Irap dovranno effettuare il versamento non effettuato entro il 10 dicembre 2013: la regolarizzazione potrà avvenire, mediante ravvedimento, con il versamento della seconda rata o unica rata dell'acconto. Il modello di cui usufruire è l' F24 e la modalità sarà telematica.

La IUC, Imposta Unica Comunale su casa e rifiuti, nata dall'accorpamento di Imu, Tari e Tasi è un tributo da versare sia sulla prima che sulla seconda casa. In data 16 giugno e 16 dicembre si verserà l'Imu mentre la Tari e la Tasi saranno pagate secondo quanto deciso dalle diverse amministrazioni comunali, comunque con termini semestrali. Chi però desiderasse versare il tributo in un'unica soluzione potrà farlo entro il 16 giugno.

La data del 10 gennaio interessa, invece, gli imprenditori con partita Iva che hanno costituito un'impresa dopo il 31/12/2007: la contabilità dell'ultimo trimestre del 2013 dovrà essere inviata per via telematica all'Agenzia delle Entrate, dove appositi Uffici potranno prestare assistenza in caso di difficoltà. Il 24 gennaio è la scadenza per il pagamento della mini Imu per i proprietari della prima casa situata in Comuni che hanno alzato l'aliquota del 2013. Tra le tasse del 2014 le scadenze più importanti riguardano anche i proprietari di auto con più di 35 KW con scadenza del bollo a dicembre 2013: questi, entro il 30 gennaio, dovranno pagare con apposito bollettino presso uffici dell'Aci, le tabaccherie o le agenzie di pratiche automobilistiche.

Da non dimenticare: il canone Rai

Come i numerosi spot suggeriscono è importante non dimenticare la data del 30 gennaio per il pagamento del canone Rai: dopo questa data al costo del canone sarà aggiunta la mora. Questo tributo potrà essere versato annualmente, semestralmente o sotto forma di rateizzo trimestrale. Tra le tasse del 2014 con le scadenze più importanti c'è quella che riguarda i soggetti passivi Iva che operano con residenti in Paesi della black-list: questi dovranno dare comunicazione alla Agenzia delle Entrate dei servizi erogati o delle cessioni di beni per cifre superiori a 500 euro. Il termine scade il 31 gennaio.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016