Excite

Risparmio: occhio agli sprechi energetici in casa

Tempi duri per i portafogli dei consumatori italiani alle prese con ulteriori e sensibili aumenti delle tariffe: crescita dei prezzi del gas, applicazione delle fasce biorarie e consumi necessariamente da razionalizzare, riducendo sprechi energetici per tenere sotto controllo le bollette di casa.

Razionalizzando l'utilizzo dei sistemi per la climatizzazione o il riscaldamento, è possibile arrivare a risparmiare fino a 10 euro mensili: ambienti eccessivamente caldi/freddi, oltre ad essere potenzialmente dannosi per la salute, spesso inducono ad un’areazione forzata. Aprire le finestre per far circolare l’aria o stemperare gli ambienti si traduce in un maggior lavoro degli impianti, con un conseguente aumento dei consumi in bolletta. Per quanto riguarda la climatizzazione è consigliato , ad esempio, impostare una temperatura interna che sia di circa 3, massimo 4 gradi, inferiore a quella esterna.

I vetri isolanti sono fondamentali per ottenere un corretto isolamento degli ambienti e un minor utilizzo di riscaldamento o climatizzazione, mentre la sostituzione delle lampadine è un'ottima soluzione: le nuove luci a led a risparmio energetico consentono di contenere i consumi energetici per un valore complessivo fino a 3 euro al mese. Inoltre moltissimi apparecchi elettronici prevedono la funzione di stand by, come ad esempio tv o pc: spegnendo i diversi elettrodomestici è possibile ridurre i consumi per un valore tra i 2 e i 4 euro al mese.

Tra gli elettrodomestici che incidono maggiormente sulla bolletta energetica, lavatrice, forno, frigorifero e scaldabagno. Per quanto riguarda i lavaggi, è consigliato privilegiare le basse temperature, mentre per gli impianti frigo, al momento dell’acquisto o di un cambio, è bene optare per sistemi di classe A, A+ o A++: il risparmio arriva fino ai 3 euro al mese. Piccole accortezze anche nell’uso del forno di casa e nella manutenzione del boiler: durante la cottura cercate di limitare le aperture dello sportello e spegnete il forno poco prima che la cottura sia terminata, sfruttando il calore residuo, mentre una corretta manutenzione dello scaldabagno e l’eliminazione di depositi calcarei aiuta a ridurre notevolmente i consumi energetici.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016