Excite

Prestito Inpdap: una valida alternativa a quello tradizionale

I prestiti inpdap sono un'ottima alternativa ai prestiti tradizionali, erogati dalle banche o dalle finanziarie. Infatti se si è (o si è stati come nel caso di pensionati Inpdap) un dipendente pubblico e si ha bisogno di un prestito per comprare l'auto o per fare degli acquisti extra, rimodernare la casa o per altre mille esigenze, si può ricorrere anche ai prestiti erogati dall'Inpdap. L'ente eroga i prestiti in base alle proprie disponibilità di bilancio. Possiede, infatti, un proprio fondo, che viene finanziato con delle trattenute sullo stipendio o con le pensioni di coloro che hanno scelto di aderire in modo volontario, facendone richiesta firmata.

Il finanziamento, però, può essere concesso anche dalle banche che hanno stipulato con l'ente una convenzione e che, quindi, offrono dei tassi adeguati a quelli dell'ente stesso. Alcune delle banche convenzionate sono la Banca di Sassari, la Banca Nazionale del Lavoro, Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio, Banca Popolare Pugliese, Banco Popolare, Banca Monte dei Paschi di Siena, Deutche Bank, Banca Popolare di Vicenza, Banca Nuova e Cassa di Risparmio di Prato, mentre tra gli istituti finanziari ricordiamo la Compass, Prestitalia spa e Races Finanziaria.

Ma di che importo si può far richiesta? Per un prestito annuale si può richiedere un importo pari ad una mensilità media netta di stipendio o di pensione; per prestiti biennali un importo pari a due mensilità medie nette; per prestiti triennali un importo pari a tre mensilità medie nette. Il tasso di interesse nominale attualmente è fissato al 4,25%.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016