Excite

I prestiti senza interessi: guida alle migliori soluzioni

Quando si parla di prestiti senza interessi, bisogna fare una distinzione abbastanza netta tra le soluzioni di finanziamenti a 'tasso zero', che rappresentano una prassi piuttosto usata nel credito al consumo, e i prestiti personali per i quali non verrà chiesto altro che la restituzione del capitale erogato. Di seguito vediamo nello specifico, per i prestiti senza interessi, le differenze e una guida alle migliori soluzioni, in funzione delle rispettive esigenze.

Interessi zero non significa a costo zero

I finanziamenti a interessi zero, si hanno quando l'acquisto di un bene avviene in modo rateale con un TAN (tasso annuale nominale) pari a 0. Tuttavia non bisogna guardare al TAN, che di fatto non rappresenta l'indice di costo effettivo, che verrà sostenuto (ovvero se la cosa acquistata verrà pagata realmente quanto costa, o saranno applicati dei costi aggiuntivi traducibili in 'interessi'). Per questo bisogna guardare al TAEG, che in base alla nuova normativa deve essere obbligatoriamente indicato, e che sarà quasi sempre superiore allo 0. Infatti, nel costo bisognerà considerare anche ad esempio il costo per le comunicazioni periodiche, i costi di istruttoria, assicurazione ecc.

Questo implica che si otterranno finanziamenti a tasso zero solo quando il TAEG sarà pari a 0 (un'ipotesi più che remota). Sono comunque finanziamenti ottenuti per l'acquisto di un determinato bene.

Il discorso è completamente diverso se si tratta di prestiti personali, ovvero finanziamenti non erogati con un fine specifico. Tra questi esistono delle forme particolari, rappresentate dai capitali a fondo perduto, che tuttavia vengono erogati dallo stato o dalle Regioni, per sostenere l'inizio o lo sviluppo di un'attività. Per poterli ottenere ci si deve rivolgere alle Camere di commercio oppure consultare i siti ufficiali delle rispettive Regioni. Per questo genere di prestiti senza interessi farli rientrare nella guida alle migliori soluzioni e condizioni è impossibile, dal momento che l'erogazione avviene solo tramite apposite graduatorie stilate in seguito a bandi di concorso.

Prestiti senza interessi a disoccupati

Se invece la necessità è diversa, come nel caso di persone disoccupate in forti difficoltà economica, è possibile verificare se la propria diocesi rientra tra quelle che si sono attivate in questa direzione. Si tratta ovviamente di miniprestiti, che tuttavia possono dare sollievo alle persone bisognose.

In Italia non esistono banche etiche che offrono questo tipo di servizio (come avviene per altri Paesi), e le uniche altre alternative sono rappresentate dalla costituzione di consorzi o cooperative, che possono richiedere, anche per attività senza scopo di lucro, finanziamenti alla Comunità Europea privi di interessi.

Prestiti senza interessi: difficili ma non impossibili da ottenere

Utopia o realtà? Per i finanziamenti relativi al credito al consumo, ci si avvicina all'utopia nonostante la dicitura 'tasso zero', mentre per i prestiti personali senza interessi, le linee guida verso le migliori soluzioni non possono prescindere dalle necessità che determinano la richiesta, il tipo di persone che ha i requisiti per richiederli e gli obiettivi da raggiungere.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016