Excite

Prestiti casalinghe: per un nuovo frigorifero come tutta la cucina!

Tra le forme di prestito che banche e istituti finanziari considerano atipiche cadono anche quei prestiti che, benché classificati come tali, risultano tra i più sensati. Stiamo parlando dei cosiddetti prestiti casalinghe. È questa una forma di finanziamento dall'importo piuttosto ridotto che viene concesso ai soggetti appartenenti a tale categoria.

Generalmente, un prestito casalinghe è richiesto in vista dell'acquisto di un elettrodomestico per l'abitazione, quale un frigorifero, macchina da cucire, un televisore, ecc. In tal caso, per importi non superiori ai 1.500 euro, gli istituti di credito possono mettere a disposizione del richiedente una carta revolving, mediante la quale è possibile accedere a immediata liquidità saltando la fase d'istruttoria e di presentazione delle garanzie.

Per prestiti di gettito maggiore invece, il richiedente dovrà risultare impiegato in un lavoro extra remunerato, oltre quello domestico. Il lavoro può sì essere anche part-time. Nel qual caso il richiedente non disponesse di una seppure minima entrata fissa, si rende necessaria la presenza di un garante.

Prestiti casalinghe superiori ai 1.500 euro ma comunque inferiori ai 5-10.000 euro vengono generalmente richiesti per qualche opera di ristrutturazione della casa: un bagno nuovo, una nuova cucina. Altro il caso in cui venga richiesto un prestito casalinghe in vista di un'attività d'imprenditoria femminile. Questo genere di finanziamento è agevolato a fondo perduto dietro la presentazione di un valido progetto imprenditoriale.

Oggigiorno,mini-prestitidi questo tipo diventano sempre più diffusi. Molto più sensati e ben visti di finanziamenti elevati per progetti mastodontici dall'esito incerto. Moahmmud Yunus, il banchiere premio Nobel del Bangladesh, ha costruito la propria fortuna, economica e umana, su questo tipo di prestiti che lui stesso definisce: social business.

Che sia nel Bangladesh come nel cuore della ricca Europa, questo genere di prestiti viene generalmente concesso alle donne e vengono comunque esclusi i cattivi pagatori, i pignorati e i protestati. Che in genere risultano essere uomini.

(foto © finanza-banche.noiblogger.com)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016