Excite

Prestiti: al via quelli della speranza

Era partita il 31 maggio la colletta lanciata dalla Conferenza Episcopale Italiana per creare un fondo da cui attingere per i cosiddetti prestiti della speranza, utili ad aiutare famiglie in difficoltà a causa della crisi economica e la conseguente perdita dei posti di lavoro.

Abi si era mostrata disponibile a collaborare al progetto e la prima banca ad erogare concretamente i prestiti sarà dal 1 settembre Banca Prossima, del gruppo Intesa Sanpaolo.

Con il fondo si potranno aiutare oltre 15 mila famiglie che otterranno un prestito massimo di 6mila euro da rimborsare secondo il criterio del microcredito in 5 anni con un tasso di interesse non superiore al 4,5%, circa la metà di quello attualmente sul mercato.

Le altre banche che hanno aderito all’accordo Cei-Abi potranno però applicare tassi differenti ma sempre vantaggiosi per le famiglie.

L’erogazione non sarà in un’unica tranche ma ogni due mesi verranno accreditati alla famiglia 1000 euro in modo da garantire un utilizzo migliore dei soldi.

Intesa Sanpaolo inoltre fornirà un servizio utile alle famiglie: dei veri e propri consulenti volontari, ex dipendenti della banca, che aiuteranno i beneficiari del prestito nella gestione del proprio bilancio e nella restituzione.

Saranno direttamente le parrocchie e i centri Caritas a segnalare le persone che hanno più bisogno di prestiti, nello specifico famiglie con almeno 3 figli a carico con reddito molto basso, in cui il capo famiglia ha perso il lavoro o si è gravemente ammalato.

Per avere maggiori informazioni su questi prestiti potete consultare il sito www.prestitodellasperanza.it

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016