Excite

Pensioni per casalinghe: ecco una guida dettagliata

La pensione per le casalinghe è una nuova forma di copertura previdenziale volontaria, decisa con la riforma del 1995, riservata a tutti coloro (anche uomini) che si dedicano a lavori legati alla casa

Chi può iscriversi al Fondo?

Possono iscriversi al Fondo chi, in età compresa fra 15-65 anni, si occupa della propria famiglia, a condizione che non presti attività lavorativa dipendente o autonoma e non sia titolare di pensione diretta, di vecchiaia, invalidità o anzianità (la reversibilità non conta). Possono richiederla anche coloro i quali, pur svolgendo attività lavorativa part-time, subiscono una contrazione delle settimane utili per il diritto alla pensione. L'iscrizione è dunque compatibile con una attività lavorativa ridotta, anche se prestata con carattere di continuità, come nel caso di: part-time verticale (lavoro a giornata piena, ma solo per alcuni giorni della settimana o del mese) o part-time ciclico (solo per alcuni mesi all'anno).

Dove e come iscriversi?

La domanda di iscrizione al Fondo può essere presentata alla sede Inps, direttamente o tramite un ente di Patronato, oppure inviata per posta raccomandata con avviso di ricevimento, o, in alternativa, effettuata on line, sul sito dell'Inps. Decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda.

Come si alimenta il Fondo?

Il fondo si alimenta attraverso i versamenti dei singoli iscritti. Il contributo minimo mensile è stabilito in 25,82 euro (309,87 euro l'anno). I contributi versati al fondo delle casalinghe possono essere detratti dalla dichiarazione IRPEF del coniuge, come avviene oggi per la contribuzione volontaria.

Cosa si ottiene?

La pensione cui avranno diritto le casalinghe sarà praticamente la stessa di quella prevista per i nuovi lavoratori. I requisiti richiesti per acquisirne il diritto sono un'età non inferiore ai 57 anni; minimo contributivo pari ad almeno 5 anni; importo della rendita almeno pari all'ammontare annuo dell'assegno sociale maggiorato del 20%. L'iscritto al fondo delle casalinghe, in presenza di assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa, può ottenere una pensione di inabilità. La pensione d'inabilità è riconosciuta a condizione che il richiedente possa vantare almeno cinque anni di versamenti.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016