Excite

Partita iva per giovani professionisti e start-up, tutte le novità

L’attuale regime dei minimi potrebbe diventare più conveniente per tutti i giovani professionisti e per chi ha intenzione di avviare una start-up.

Con la legge di stabilità infatti il Governo Renzi ha intenzione di introdurre il nuovo regime forfettario del 15%, ma anche di prorogare fino alla fine del 2015 il vecchio regime dei minimi del 5% (articolo 10, comma 12-undecies, del decreto 192 del 2014, convertito, con modificazioni, dalla Legge 11/2015) riservato a imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, naturalmente per coloro che posseggono determinati requisiti.

    Fonte Twitter @Trentin0

Quali sono i requisiti per l’accesso al regime dei minimi?

• non percepire compensi superiori ad euro 30.000 (con eventuale ragguaglio ad anno);

• non effettuare cessioni all’esportazione;

• non sostenere spese per lavoratori dipendenti, co.co.co o lavoratori a progetto, né erogare somme sotto forma di utili ad associati in partecipazione che apportano solo lavoro;

• non effettuare acquisti di beni strumentali in un triennio superiori ad euro 15.000;

• non aver esercitato nei tre anni precedenti l’inizio attività, attività artistica, professionale o d’impresa, anche in forma associata o familiare;

• l’attività da esercitare non deve costituire in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo;

• qualora l’attività sia il proseguimento di un’impresa esercitata da un altro soggetto, l’ammontare dei relativi ricavi realizzati nel periodo d’imposta precedente non deve essere superiore ad euro 30.000.

Il nuovo regime dei minimi per il 2016

Il nuovo regime “potrebbe vedere innalzato - spiegano dal Ministero dell’Economia - il tetto di ricavi dai 15 ai 30 mila euro per i liberi professionisti e, per i primi cinque anni di vita delle start up, l'aliquota da applicarsi potrebbe essere del 5 per cento anziché del 15%”.

"Il regime fiscale diventa di nuovo accessibile per i liberi professionisti e si riproduce per le nuove attività la stessa convenienza che dava il vecchio regime - ha detto il sottosegretario all’Economia, Enrico Zanetti -. Più la dimensione di un’attività commerciale è ridotta, più aumenta l’insostenibilità dei costi diretti e indiretti degli adempimenti burocratici. È proprio pensando a queste imprese, come a tutti i privati cittadini, che stiamo lavorando".

    Fonte Twitter @mondopadano

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016