Excite

Partita iva comunitaria: a cosa serve e come richiederla

La partita iva comunitaria è un soggetto che è diventato sempre più importante con il passare degli anni. In sostanza non ci sono grandi differenze con le partite iva più diffuse nel nostro paese. Per intenderci quelle con cui operano commercianti, piccoli e medi imprenditori oppure liberi professionisti come avvocati e commercialisti. La partita iva comunitaria definisce, semplicemente, un ambito allargato entro il quale è possibile operare all'interno di una forma di tassazione riconosciuta a livello comunitario.

    Getty Images

A cosa serve la partita iva comunitaria

La base sulla quale è stata creata la partita iva comunitaria è quella, ipotetica e forse utopica, di un unico continente europeo con una sola forma di tassazione per le partite iva e quindi per commercianti, imprenditori e liberi professionisti. Al momento questa unificazione fiscale è ben lontana dall'essere realtà, ma è comunque operativa. Nel senso che la partita iva comunitaria è utile per quelle aziende e/o professionisti che vogliono operare, continuativamente, in entrata ed in uscita con paesi della Comunità Europea.

Scopri le news sulla tracciabilità dei pagamenti

Per ottenerla, o meglio per innalzare la propria partita iva allo status di comunitaria, è necessario richiederne lo status al momento dell'apertura. Per farlo è necessario iscrivere la partita iva all'archivio VIES.

Come richiedere la partita iva comunitaria

L'iscrizione all'archivio è molto semplice. Bisogna compilare il riquadro apposito del modello AA9 indicando un importo di massima, in entrata ed in uscita, per le transazioni con la Comunità Europea. Successivamente è necessario inviare una raccomandata alla sezione competente dell'Agenzia delle Entrate di zona. La raccomandata va inviata un mese prima della prima transazione prevista.

Leggi le news sull'economia

A quel punto la passa passa all'Agenzia delle Entrate che ha tempo un mese per confermare l'iscrizione oppure per dare delle motivazioni alla mancata iscrizione all'archivio VIES. Una volta ottenuta l'iscrizione si può considerare la propria partita iva una partita iva comunitaria e si può cominciare ad acquistare e vendere beni o servizi da e per la Comunità Europea.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016