Excite

Pagamento dell'affitto in contanti: divieto dal 1°gennaio 2014

Per ottenere una maggiore tracciabilità dei pagamenti e colpire l'evasione fiscale il governo Letta ha accolto la proposta dell'onorevole Saccomanni, Ministro dell'Economia, eliminando la possibilità di pagare il canone di locazione in contanti. Infatti, per legge, il pagamento dell'affitto con i contanti è vietato dal 1° di gennaio 2014 e il locatario deve fare ricorso a canali tracciabili come bancomat, bonifici e assegni.

    youtube.com

Poche le eccezioni contemplate nella norma di Legge

La lotta agli affitti in nero comincia con il divieto di pagamento dell'affitto in contanti, questi dovranno essere sostituiti da altri strumenti di pagamento. Nonostante gli italiani amino molto il contante e molto meno i pagamenti alternativi (otto volte su dieci le operazioni economiche sono condotte con l'uso dei contanti) dovranno farsene una ragione e corrispondere la locazione secondo quanto stabilito dalla normativa dettata dalla Legge 147/2013, art. 1 comma 49. Sarà vietato non usare canali tracciabili qualunque sia l'importo: infatti il tetto dei mille euro, stabilito come limite massimo per i pagamenti in contanti dal governo Monti, non riguarda più le locazioni. Per gli affitti, anche a fronte di un canone di 400 euro, il pagamento dovrà risultare tracciabile.

L'unica eccezione alla nuova norma è per le locazioni degli appartamenti di edilizia residenziale pubblica, degli immobili commerciali, dei box e dei posti auto che potranno essere pagati come in passato. Il divieto, invece, interessa, oltre alle normali locazioni delle prime case, anche gli affitti non soggetti a registrazione come le locazioni stagionali e quelle destinati a studenti. Inoltre è importante sapere che questa legge riguarda l'anno in corso ma anche gli eventuali canoni arretrati: il locatore dovrà esigere che questi pagamenti avvengano mediante una modalità tracciabile. Saranno i Comuni a controllare il rispetto della legge attraverso i registri anagrafici condominiali e civili e, in caso di sanzioni per inosservanza, queste partiranno da 3000 euro.

    youtube.com

Agevolazioni fiscali solo per chi è in regola

Per quanto riguarda le agevolazioni per gli affitti degli studenti fuori sede l'emendamento approvato a dicembre stabilisce che queste si otterranno solo se i locatari potranno esibire pagamenti da cui si evince la tracciabilità. Il contrasto all'evasione fiscale delle locazioni abitative dovrebbe sanare, quindi, situazioni illegali. Chi deciderà di proseguire con il pagamento dell'affitto in contanti, oltre ad incorrere nelle specifiche sanzioni, potrà anche essere escluso dalle detrazioni fiscali previste.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016