Excite

Le numerose opzioni per il mutuo surroga di Barclays

  • Barclays.it

La portabilità ha aperto nuove opportunità ai mutuatari, fornendo una maggiore libertà, e allo stesso tempo, una maggiore forza nella conduzione della trattativa con la banca per spuntare delle migliori condizioni. Sul fatto che sia più vantaggiosa la rinegoziazione rispetto alla sostituzione è cosa ormai assodata, dato che la prima non presenta costi, mentre la seconda sì. Tuttavia non è detto che la propria banca sia disposta a concedere una rinegoziazione con condizioni migliori rispetto a quelle vigenti. In questo caso è sufficiente rivolgersi ad un'altra banca che prevede delle formule di mutuo adatte alla surroga. Tra queste la Barclays si mette in evidenza perché prevede numerose tipologie di opzioni tra cui poter scegliere.

Mutuo surroga a tasso fisso

E' la forma meno ricca di novità, e la durata può andare da 5 a 30 anni, mentre lo spread applicato è pienamente nella media di mercato

Mutuo surroga a tasso variabile

Si può scegliere il variabile a rata costante: la rata non cambia, ma varia la durata per compensare le oscillazioni del tasso euribor a cui il mutuo è indicizzato. La durata va dai 20 ai 25 anni.

Mutuo surroga a tasso misto o strutturato

Ci sono 3 possibili formule tra cui poter scegliere, che cercano di combinare i vantaggi legati ad entrambi i tipi di tasso di interesse:

  • variabile con opzione 2, 5, 10: il mutuo è indicizzato all'euribor, tuttavia alla scadenza delle tranche di 2, 5 o 10 anni si può decidere di passare al tasso fisso. Alla scadenza della tranche successiva si può esercitare nuovamente l'opzione per sfruttare i tassi più favorevoli nei vari periodi di tempo. La durata può andare dai 10 ai 35 anni;
  • fisso 5 anni rinegoziabili: i primi 5 anni il tasso è fisso, poi passa al variabile a meno che il mutuatario non chieda di rimanere al tasso fisso. La durata va dai 10 ai 35 anni;
  • Fisso 10 anni rinegoziabili: ha lo stesso funzionamento dell'altro, solo che la scadenza in cui esercitare l'opzione scade al decimo anno, e la durata va dai 15 ai 35 anni.

Le spese accessorie quali perizia e istruttoria sono nella media, così come gli spread applicati, mentre un aspetto interessante è rappresentato dalla durata che nella maggior parte dei prodotti in offerta può arrivare fino a 35 anni.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016