Excite

Mutui:la BCE alza i tassi d'interesse

La Banca centrale europea ha rotto gli indugi alzando di 0,25 punti i tassi di interesse ufficiali dell'area euro, dove il principale riferimento sul costo del danaro sale così all'1,25 per cento. La motivazione è quella di contrastare l'accelerazione dell'inflazione innescata dai rincari del petrolio e dei beni alimentari.

Si tratta della prima variazione operata dopo quasi due anni. Anche con il rialzo deciso oggi i tassi di interesse dell'area euro restano bassi e favorevoli all'attività economica, lo ha affermato Trichet durante la conferenza stampa a seguito del Consiglio direttivo.

Secondo il Codacons, l’aumento del tasso di riferimento e il conseguente aumento del costo dei mutui metterà in difficoltà con il pagamento delle rate almeno 30.000 famiglie che attualmente riescono a onorare ancora i loro debiti. Per il Codacons, si tratta di una misura che la Bce è stata costretta a prendere per colpa dei governi europei che non hanno preso misure antinflazionistiche di politica fiscale, demandando alla sola politica monetaria il controllo dei prezzi. Vedremo intanto nei prossimi mesi come la decisione della BCE si rifletterà sull'andamento delle vendite di nuove case.

Brutte notizie, dunque, per le famiglie italiane che stanno pagando un mutuo a tasso variabile e che pagheranno 204 euro in più all'anno, pari a 17 euro al mese. Cifre importanti in un momento in cui sembra che tutto, dal trasporto pubblico alle utenze domestiche, passando per generi alimentari e materie prime, sta giocando alla folle corsa del rialzo. Non se la vedremmo meglio molti paesi europei debitori, come Grecia, Portogallo ed Irlanda, che si troveranno in difficoltà più accentuate. Intanto si attende nei prossimi mesi possibili rialzi dei tassi anche in USA.

(photo © wikimedia commons)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016