Excite

Mutui: variabile o fisso

Se dove accendere un mutuo in questo periodo la situazione è senz’altro favorevole. I tassi sono ai minimi e le rate sono convenienti sia per i mutui a tasso variabile che per quelli a tasso fisso.

C’è da considerare però che un mutuo dura in media 20 o 30 anni e che le cose di qui a qualche anno cambieranno. E’ per questo motivo che è meglio non farsi prendere troppo dall’entusiasmo dei ribassi ma valutare con attenzione la situazione e possibilmente farsi consigliare da un esperto.

La migliore soluzione di mutuo, per chi attualmente ne sta cercando uno, è quella che prevede la possibilità di cambiare il tasso. Si possono quindi pagare le prime rate del mutuo a tasso variabile per poi passare, nel momento in cui l’Euribon tornerà sfavorevole, al tasso fisso.

Il passaggio a costo zero tra i due tassi, in sostanza la portabilità del mutuo, è stata inserita dal Decreto Bersani e in questo momento potrebbe rivelarsi davvero utile all'economia di molte famiglie.

Potete confrontare varie soluzioni di mutui sul sito Mutui online che permette la comparazione tra diverse proposte di istituti di credito in base ai parametri che avete inserito nel motore di ricerca.

Il direttore marketing del sito, Roberto Anedda, rispetto alla scelta tra tasso fisso o variabile ha dichiarato: “Guardando a quello che è stato il costo del denaro nei decenni scorsi, per entrambe le forme di finanziamento si tratta di un livello del tutto accettabile (…) Una risalita dei tassi sembra non essere alle porte. La situazione spingerà le banche centrali a tenere il costo del denaro a livelli bassi. Ci possiamo quindi aspettare una fase di recupero lenta dei tassi d’interesse e dunque anche della rata del mutuo. In pratica per almeno un buon anno ancora i tassi resteranno non lontani dai livelli di adesso”.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016