Excite

Mutui, i nuovi dati dell’Osservatorio di MutuiOnline

Grazie al nuovo Osservatorio realizzato da MutuiOnline è possibile analizzare e approfondire le ultime tendenze del segmento mutui, la localizzazione delle erogazioni, le principali finalità in base a richieste e mutui concessi attraverso una serie di dati aggiornati all’inizio del secondo semestre dell’anno corrente. Analizzando l’Osservatorio, ad esempio, emerge che tra le finalità principali dal lato delle erogazioni prevale, con il 54.8%, l’acquisto della prima casa, mentre il 33.2% dei mutui erogati vengono concessi in sostituzione o surroga di un mutuo già attivo. Il 4.1% dei mutui è stato erogato in questa seconda parte dell’anno per consolidamento e liquidità e solo l’1.9% in favore di opere di ristrutturazione.

Crescono quindi le erogazioni per l’acquisto di un’abitazione, che nella prima parte del 2010 erano state pari al 51.4% e in contrazione quelli per ristrutturazione e costruzione che passano dal 2.7% all’1.9%. Il 62% delle richieste è concentrato nell’acquisto di prima casa ma aumentano, anche se solo dello 0.2%, dal 6 al 6.2%, i mutui per l’acquisto di una seconda abitazione rispetto alla prima parte dell’anno.

I mutui erogati dagli istituti sono stati per il 58.1% dei casi a tasso variabile, in netto rialzo rispetto al già positivo 46.2% del primo semestre e ben il 20% in più rispetto al 38.1% dello stesso periodo del 2009. Questa soluzione, agevolata da un andamento favorevole del mercato dei tassi è seguita al 22.2% dai mutui a tasso variabile con Cap e al 16.5% dai mutui a tasso fisso. Solo il 3.2% delle erogazioni riguardano contratti di mutuo a tasso misto. Crescono le richieste di mutui a 30-40 anni, 40.8% delle preferenze, mentre restano presso che invariate le domande di mutuo a 15 anni, dal 21.3% del primo semestre, al 21.2% di luglio 2010.

In contrazione anche il dato relativo agli importi richiesti, da 146.185 euro della prima parte dell’anno contro i 144.833 euro di luglio 2010, mentre aumento le somme erogate, cha passano da 133.575 del primo semestre ai 139.336 euro. I mutui tra i 100 mila e i 150 mila euro si confermano le soluzioni più richieste ed erogate dagli istituti, per valori che rappresentano una classe d’importo tra il 71 e l’80% del valore totale dell’operazione. Richieste e concessioni di mutui sempre localizzate nelle aree del centro Nord Italia, rispettivamente con il 45.8% e il 52% delle erogazioni.

Le migliori offerte di mutuo a tasso variabile su mutui online sono caratterizzate da un tasso pari all’1.74% sulle soluzioni a 10 anni e rata da 909 euro, 1.90% sui mutui a 25 anni e rata da 419 euro, mentre per le formule a tasso variabile di 40 anni il tasso applicato è pari al 2.5% e rata da 305 euro. Le migliori soluzioni a tasso fisso, invece, per una durata di 10 anni, il tasso applicato è del4.09% e rata da 1017 euro, a 20 anni 4.61% e rata da 638 euro, mentre sui mutui di durata 35 e 40 anni i tassi sono rispettivamente del 4.75% e 4.95%. I dati indicati nell’Osservatorio fanno riferimento ad un cliente tipo, impiegato, 35 anni, residente a Milano che intende accendere un mutuo per l’acquisto della prima casa di importo pari a 100 mila euro per un valore dell’immobile di 200 mila euro e un piano di rimborso che prevede rata mensile.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016