Excite

Il mercato delle Assicurazioni in Europa: il 60% proviene dai rami vita

In Italia, nel 2010, il volume dei nuovi premi per le assicurazioni individuali è stato del 12,1% in più rispetto al 2009. Ma qual è stato finora il trend negli altri paesi della comunità Europea?

Secondo i dati forniti dalla CEA, l’organizzazione che riunisce le associazioni nazionali degli assicurativi nei principali paesi europei, il settore assicurativo ha mostrato una sostanziale capacità di resistenza agli effetti della crisi economica e finanziaria del 2008. Questo è quanto si apprende dall’ultimo rapporto annuale, con dati in linea con l’anno precedente. Sono stati infatti raccolti premi per 1.056,6 miliardi di euro. A trainare la dinamica dell’intero settore sono stati i rami vita, che raccolgono oltre il 60% del totale dei premi, con una crescita, a tassi costanti, del 4,7% rispetto al 2008. Particolarmente intensa la domanda di prodotti a premio unico e con garanzia di rendimento minimo. Tra i quattro principali mercati europei, solo il Regno Unito ha registrato una flessione della raccolta vita (-10% a tassi costanti rispetto al 2008), mentre per tutti gli altri la dinamica è stata positiva: +13% in Germania, +7% in Francia e + 49% in Italia.

Se confrontato con il settore vita, l’andamento dei comparti danni è stato nel complesso meno vivace, registrando nel 2009 una raccolta premi pari a circa 410 miliardi di euro (417 miliardi nel 2008); a tassi di cambio costanti la variazione tra il 2008 e il 2009 è stata lievemente positiva (+0,9%), in moderato rallentamento rispetto al 2008 (+2,7% rispetto al 2007). Alla dinamica complessiva hanno contribuito in modo positivo i buoni andamenti delle linee health (+3,3% rispetto al 2008, tassi costanti) e property (+0,9), controbilanciati dalla decisa contrazione osservata nel settore auto (-1,7%) e quella, più moderata, degli altri rami danni

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016