Excite

Maradona, chiesto processo per diffamazione ai danni di Equitalia: linea dura del pm di Roma contro il Pibe de Oro

  • Twitter @GoalArgentina

Nuovo capitolo del braccio di ferro tra Diego Armando Maradona e il Fisco italiano, con Equitalia ancora una volta all’attacco del "Pibe de Oro".

Magie di Maradona su un campo di calcetto: il video inedito spopola su Youtube

La denuncia nei confronti del numero 10 simbolo del Napoli campione d’Italia degli anni ’80, seguita alle dichiarazioni furiose dell’ex capitano dell’Argentina in televisione contro i suoi “persecutori” individuati in Attilio Befera e colleghi, è stata raccolta dalla Procura di Roma e potrebbe portare ben presto alla celebrazione di un processo per diffamazione con l’allenatore sudamericano nelle vesti di imputato.

Il possibile rinvio a giudizio di Diego Armando Maradona è sul tavolo dei magistrati capitolini dopo una lunga fase di valutazione degli elementi a carico dell’illustre accusatore di Equitalia, ma sul piede di guerra per la “mano pesante” mostrata dalla giustizia italiana rimangono i legali del 54enne sportivo argentino, convinti della correttezza dell’operato del loro assistito rispetto alle contestazioni formalizzate dal pubblico ministero.

(Equitalia contro Maradona, la lunga contesa sui "debiti" del Pibe de Oro col Fisco)

Ad avviso dell’avvocato Angelo Pisani, il tecnico adesso al lavoro negli Emirati Arabi avrebbe nella fattispecie “esercitato legittimamente il diritto di difesa, nelle forme consentite dalla legge italiana e “garantito dalla Costituzione ad un normale cittadino, dovendo peraltro fronteggiare “addebiti inesistenti” di fronte ai quali lo stesso imputato non poteva far altro che dichiarare la propria “totale estraneità”.

Nel futuro processo che dovrebbe stabilire le eventuali colpe di Diego Armando Maradona nei confronti di Attilio Befera, Equitalia sarà parte civile a tutela del suo massimo dirigente sulla base delle imputazioni legate alle presunte frasi diffamatorie pronunciate in pubblico da “Dieguito” nel periodo incriminato, tra maggio e giugno del 2012.

Prossima udienza prevista dal calendario processuale dopo il primo atto davanti al gup di Roma Chiara Gianmarco, il 18 marzo 2015, quando verranno discussi nel merito alcuni addebiti sollevati dall’accusa a carico del Pibe de Oro, in contraddittorio tra le parti.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016