Excite

A Davos: Hedge Fund occhi puntati sull'acqua

Mentre nel mondo finanziario, a tutt’oggi, si parla soprattutto di industrie occupate nel settore del petrolio e gas o dell’elettricità, poco se ne sente parlare invece di aziende e problematiche relative al settore dell’acqua. Alcuni dati ci permetteranno meglio di capire di cosa stiamo parlando.

L'organizzazione mondiale della sanità stima che 1,1 miliardi di persone non può facilmente trovare acqua potabile, mentre il 40% della popolazione mondiale vive in aree senza servizi igienici adeguati. Questo aiuta a spiegare perché il 50% dei posti letto di ospedale di tutto il mondo vengono usati per curare i pazienti affetti da malattie legate all'acqua e connesse con l'acqua. 4.500 bambini circa al giorno muoiono per la mancanza di servizi di acqua e servizi igienici. In più sulla produzione di acqua si basa la produzione di molti prodotti industriali. Ci vogliono 2.300 galloni d’acqua per fabbricare un wafer semiconduttori di sei pollici. Ed è di acqua che si è parlato, non a caso, al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, dove più di 100 dirigenti erano lì a discutere dei problemi connessi a questo bene prezioso. E tra questi non potevano mancare gli hedge fund.

"La scarsità d'acqua sta avendo già oggi il suo impatto sui prezzi dei generi alimentari," dice Peter Brabeck-Letmathe, CEO della Nestlé Group. "Entro il 2030, il 30 per cento della produzione cerealicola va se continuiamo a tassi di utilizzo dell'acqua corrente. I politici vogliono il 20 per cento dell'energia da biocarburanti; dovremo triplicare la produzione alimentare per arrivarci." E, chiaramente, per triplicare la produzione alimentare è necessario aumentare l’uso delle risorse idriche. Ma non c’è solo questo aspetto, perché la domanda di cibo, acqua e di energia è stimata crescere del 30-50% nei prossimi due decenni e, come dimostrano le turbolenze nei paesi del Mondo Arabo, la carenza dei generi alimentari potrebbe causare instabilità politica e sociale, conflitti geopolitici e irreparabili danni all’ambiente.

(foto © freedigitalphoto.net)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016