Excite

Industria Auto, il terremoto impatta anche sul settore

Dell'industria automobilistica giapponese ne è rimasta meno della metà. I tre grandi produttori, Toyota, Honda e Nissan, hanno annunciato che non saranno in grado di mettere sul mercato nuove automobili a causa delle difficoltà con la fornitura di componentistica. Anche Mitsubishi e Subaru hanno dichiarato che in alcuni dei loro impianti la produzione di nuove auto verrà interrotta per un periodo da definire. Hanno avuto più fortuna rispetto alle altre compagnie Mazda e Suzuki, i cui impianti si trovano in aree del Giappone che non sono state colpite dal terremoto.

Tutte comunque in varia misura devono affrontare seri problemi, infatti oltre alle difficoltà con le imprese collegate, le case automobilistiche hanno perso un avviato sistema logistico e migliaia di automobili già pronte, in attesa di essere esportate, adesso dovranno essere in qualche modo recuperate, la forza della natura le ha trasformate in un ammasso di rottami.

Anche Sergio Marchionne,amministratore delegato di Fiat, a margine della presentazione al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano della nuova Lancia Thema, si e' detto convinto che la situazione giapponese avra' un impatto sull'industria dell'auto. C'e' troppa incertezza - ha aggiunto l'amministratore delegato del Lingotto - ma l'impatto ci sara' anche a livello di industria automobilistica, l'impatto sui fornitori si vedra', a catena. Per quanto ci riguarda stiamo analizzando la questione, la scorsa notte ne abbiamo parlato con i nostri negli Stati Uniti. Per il momento non vediamo impatti negativi ma e' troppo presto, aspettiamo, ha concluso.

(photo © wikimedia commons)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016