Excite

Industria auto elettrica: la Germania vuole essere la prima

La Germania di Angela Merkel è decisa a diventare il paese di punta per lo sviluppo, la produzione, la diffusione a casa e l'export di auto elettriche.

Con investimenti sia statali sia dell'industria, con norme e leggi che incoraggeranno l'uso di auto elettriche e sostanziali sgravi fiscali per chi le acquista, Berlino vuole diventare prima nel mondo nel settore, e cambiare le abitudini dell'automobilista tedesco medio.

Di qui al 2020, secondo il piano delineato da Angela Merkel, dovranno circolare almeno un milione di auto elettriche nella Repubblica federale. Il gap con Usa, Francia, Giappone va colmato al più presto. Anche grazie all'alleanza strategica con la Cina, che sta diventando lo specialista nella progettazione e produzione in massa di batterie e cellule d'energia per le auto elettriche e già ha stretto intese con Volkswagen e Mercedes.

In collaborazione con i cinesi del gruppo Faw, i tedeschi della Volkswagen, infatti, lanceranno il loro nuovo prodotto con il marchio Kaili. La produzione della Kaili, che ha ottenuto la certificazione del ministero dell'Industria lo scorso 3 maggio, dovrebbe iniziare tra fine 2013 e inizio del 2014, almeno secondo le intenzione di Volkswagen.

La Daimler ha presentato nel marzo 2010 un progetto di un'auto elettrica con BYD, azienda cinese di batterie per auto di cui è diventato azionista anche il miliardario americano Warren Buffett. La nuova compatta elettrica di Daimler dovrebbe arrivare sul mercato nel 2013. Il terzo grande tedesco, Bmw, investirà invece circa 400 milioni di euro (566 milioni di dollari) nell'impianto di Lipsia, Germania Est, dove l'auto elettrica entrerà in produzione all'inizio del 2013. 

Fonte: it.forokeys.com

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016