Excite

Imu seconda rata, a Settembre stangata in arrivo

  • Lalupa-Wikimedia.org

L'acconto Imu 'spreme' i proprietari di casa nelle grandi città, ma il peggio deve ancora arrivare, almeno stando a quanto riporta Confedilizia: l'adeguamento del saldo di dicembre dovuto a eventuali aumenti di aliquota decisi dai Comuni porterà a considerevoli incrementi della tassa, in alcuni casi pari addirittura all'80%.

Come si calcola l'Imu

La stangata colpirà le seconde case date in affitto e a farne le spese saranno soprattutto Roma, Napoli e Perugia, dove per la seconda rata sarà applicata l'aliquota del 10.6 per mille, rispetto a quella del 7.6 per mille prevista dallo Stato. Migliore la situazione di Milano, Torino e Trieste e a metà strada quella di Genova, Venezia, Firenze e Bologna. In generale, comunque, l'incremento riguarderà le abitazioni affittate con canone libero (+59% Milano, +79% Torino, +55% Trieste, +79% Genova, Venezia, Bologna e +60% Firenze), mentre per quelle date in locazione con canone concordato il saldo subirà una riduzione (-29% Milano, -49% Torino, -29% Trieste e nessun aggravio per le altre).

Intanto, un'elaborazione dei Caf Cisl dei dati relativi ai versamenti effettuati da 1.2 milioni di lavoratori e pensionati per quanto concerne l'acconto dell'Imu sulla prima casa evidenzia che il poco lusinghiero primato di spesa va ai romani, con una media di 170 euro a proprietario contro gli 80 di quella nazionale, pari a un considerevole +102%. Ma gli abitanti della Capitale sono (purtroppo) in buona compagnia: a Bologna e Genova, infatti, si sono pagati 140 e 107 euro, rispettivamente il 67% e il 27% in più della media.

All'opposto la situazione di Palermo, dove la spesa per la prima rata è stata mediamente di 54 euro, che equivale a un -36%.

Capoluoghi di provincia tartassati anche sulle seconde case (affittate e non), con un esborso di 265 euro contro i 161 del resto d'Italia, pari al +65% rispetto alla media nazionale. Nella specifica 'classifica', al primo posto c'è ancora una volta Roma (325 euro), seguita da Bologna (309), Milano (224), Genova (217), Napoli (206) e Palermo (168).

Infine, una curiosità. Nonostante la possibilità introdotta sul filo di lana di pagare l'Imu per la prima abitazione in tre rate anziché due, solo l'1.6% degli italiani che si sono rivolti ai Caf ha scelto questa opzione. Il motivo? Presto detto. Nel primo caso l'acconto medio era di 81 euro, mentre nel secondo di 229.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016