Excite

Imu per le case grandi: sarà stangata?

Dal 1° gennaio 2012 la nuova tassazione Imu (Imposta Municipale Unica) stabilita dal decreto Salva Italia del governo Monti colpisce il bene rifugio degli italiani: la casa. In attesa che i Comuni stabiliscano le modifiche da apportare alle aliquote ci si chiede come sarà l'Imu per le case grandi e quanto si pagherà.

Il valore fiscale e le aliquote

Il possesso di immobili dal 2012 è soggetto all'Imu a seconda dell'utilizzo che se ne fa mentre il periodo per il quale è dovuta l'imposta è quello dell'anno stesso in cui si effettua il pagamento. Il metodo di calcolo della tassa per la casa grande è lo stesso di cui ci si avvale per la casa piccola: alla base imponibile ottenuta moltiplicando la rendita catastale per gli appositi coefficienti, si applica una aliquota che è diversa se si tratta di abitazione principale o di seconda casa. Solo nel primo caso si possono applicare delle detrazioni.

La nuova tassa sugli immobili potrebbe portare un risparmio, anche se minimo, ai possessori di piccole abitazioni la cui rendita catastale non superi i 500 euro. Aumentando la rendita catastale si ha un significativo aumento dell'Imu e quindi si può dedurre che confrontando l'Imu con la vecchia Ici ci sarà un costo diverso e più alto per le case più grandi, viceversa sarà più conveniente per quelle di metratura inferiore. Per la prima casa che il testo di legge definisce con il termine "abitazione principale" più sarà alto il valore fiscale e maggiore sarà l'imposta dovuta.

Il Ministero dell'Economia ha confrontato le aliquote Ici dello 0,4% con le aliquote Imu dello 0,4%. Secondo i calcoli fatti una famiglia tipo con un figlio che abita in una zona semicentrale di Milano e il cui appartamento ha una rendita catastale di 1000 euro, applicando una aliquota dello 0,4% pagherebbe 1 euro in più rispetto alla tassazione Ici. Ma in una casa più grande, posta in centro, con una rendita catastale di 2500 euro la tassazione subirebbe un aggravio notevole che si attesterebbe a 221.50 euro. L'Imu per le case grandi, ovviamente, sarebbe una tassazione proporzionalmente ancora maggiore se l'aliquota considerata fosse dello 0,5%.

Casa grande: i costi aumentano

L'imposta potrebbe quindi calare per le abitazioni piccole: se l'Imu sulle case grandi sarà una stangata o meno lo si vedrà dalle modifiche che i singoli Comuni apporteranno alle aliquote. Indubbiamente sarà, comunque, più salata per le case più grandi e su quelle a cui corrisponde una rendita catastale elevata.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016