Excite

Il miglior conto corrente online, che azzera l'imposta di bollo

Le banche tradizionali si sono dovute adeguare alle offerte più competitive offerte dagli istituti bancari online, quindi in circolazione c'è un'offerta estremamente ampia di servizi, a prezzi abbastanza concorrenziali ma che cosa bisogna considerare per riuscire a scegliere il miglior conto corrente online? Il primo passo consiste nel comprendere quali esigenze il conto deve soddisfare, i tipi di servizio richiesti e i mezzi di pagamento necessari. Infatti se non si ha la necessità di assegni e carte di credito ma come strumento di pagamento si opterebbe solo per il bancomat, un'alternativa molto interessante è rappresentata dalle carte ricaricabili di nuova generazione dotate di Iban.

Conto in Tasca di CheBanca! e Genius Prepagata di Unicredit

Entrambe sono ricaricabili con Iban e quindi permettono di usufruire di un conto corrente perfettamente operativo (operazioni illimitate, bonifici, pagamenti tributi, domiciliazioni utenze) gestibile con l'internet banking, che presentano due vantaggi. La chiarezza dei costi concentrati nel canone mensile, e il fatto che non pagano l'imposta di bollo. Il Conto in Tasca di CheBanca! ha il costo di 1 euro mensile, e non ha costi di emissione. la Ricaricabile di Unicredit ha un costo di emissione di 5 euro e il costo di 1 euro mensile il canone mentre per gli under 27 anni non pagano nessun canone, e con l'accredito di almeno 500 euro mensili il canone si azzera per chiunque.

Il conto corrente tradizionale che azzera l'imposta di bollo

Ing Direct con il conto corrente Arancio offre operazioni illimitate, domiciliazioni utenze, accredito dello stipendio, addebito rid, e pagamento tributi compresi sempre nel canone che è pari a zero. Anche il bancomat e la carta di credito oro Visa vengono dati gratuitamente. Ma attenzione a non richiedere documenti cartacei perché il costo è di 5 euro ciascuno, così come il costo dei bonifici fuori dal Sepa, e il prelievo dagli Atm delle Poste Italiane. Anche il secondo libretto degli assegni richiesto nel primo anno è a pagamento. Tuttavia se si ha un saldo mensile di circa 3000 euro o si dispone l'accredito dello stipendio la banca di fa carico dell'imposta di bollo. Insomma con qualche piccolo accorgimento il conto corrente ha effettivamente un costo pari a zero.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016