Excite

RC Auto: in Italia si paga il doppio della media Europea

In Italia si paga il doppio per i premi della Rc Auto della media Europea (in media 400€ rispetto ai 200€). Questi i dati di gennaio dell’Istat che evidenziano anche un aumento del costo delle polizze su base annua del 6,6%. Secondo l’Isvap, Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, si può ridurre tra il 15-18%. Ma il problema è come assicurare questa riduzione?

Secondo il numero uno di Ania, Fabio Cerchiai, i problemi principali sono costituiti dall’alta sinistrosità del nostro Paese, da un bonus-malus antiquato e dalle frodi ai danni delle stesse assicurazioni, contro le quali sarebbe utile un’agenzia anti frode, una sorta di banca dati in grado di evidenziare il fenomeno della speculazione e delle microlesioni. L’Isvap, dal canto suo, afferma la necessità del potenziamento della rete di liquidazione dei sinistri perché in questo modo dovrebbe essere più facile individuare le frodi e si ritiene ben disponibile al progetto di un’agenzia anti frodi. Ritiene, inoltre, che sia necessario rivedere il bonus-malus, uno strumento troppo vecchio, per poter garantire gli automobilisti più diligenti.

Di altro avviso è, invece, Federconsumatori, che al contempo fornisce altri dati rispetto a quelli forniti dall’Istat. Nel 2010, secondo l’associazione, il costo delle RC auto è cresciuto del 17% e prevedono una crescita dell’11-12% per quest’anno. “Il superamento di questa problematica – prosegue la Federconsumatori - non è solo riconducibile a frodi nel sistema, che giustamente devono essere combattute, visto che la percentuale delle stesse si attesta ad attorno al 6-7%. Vi è da ragionare su tutta la filiera organizzativa delle compagnie di assicurazione per eliminare inefficienze e speculazioni a partire dai rigonfiamenti dei costi che molti contenziosi legali determinano”.

(foto © Freedigitalphotos.net)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016