Excite

I numeri del franchising in Italia

Nonostante le difficoltà dell'economia italiana, il settore del franchising per molti aspetti sembra non conoscere crisi; chi vuole fare impresa, infatti, si tutela sempre di più dal rischio imprenditoriale sfruttando un marchio noto per implementare i propri progetti e per dare sfogo alla propria creatività, capacità di creare e gestire un team, creazione di nuovi posti di lavoro.

Non sorprende di conseguenza come nel 2007 il settore del franchising, attraverso i sistemi di affiliazione commerciale, abbia fatto registrare un incremento di occupazione del 3,5% a fronte di una crescita dei punti vendita prossima al 7%; questi i numeri del franchising in Italia, con la conseguenza che il fatturato del comparto è cresciuto nell’anno di oltre il 5%.

E per chi in questa fase di recessione economica ha perso il proprio posto di lavoro, o è stato costretto a chiudere l'impresa, l'ingresso in nuovi settori di mercato attraverso il franchising può rappresentare per l'imprenditore un "nuovo inizio" e per il disoccupato una grande opportunità nell'ambito dello sviluppo dell'autoimprenditorialità.

Per il settore del commercio al dettaglio, in difficoltà per effetto della contrazione dei consumi, il rafforzamento dell'affiliazione può rappresentare di conseguenza una grande opportunità; e non a caso, tra gli altri numeri del franchising in Italia a disposizione, nel nostro Paese le "insegne" del franchising negli anni sono progressivamente cresciute fino ad arrivare ora a circa mille grazie anche al fatto che tantissimi imprenditori hanno riconvertito con il franchising numerosi progetti ed attività già avviate.

I numeri del franchising in Italia, in base ai dati del 2008, parlano tra l'altro sempre più al femminile in un contesto che vede le imprese rosa crescere attraverso la creazione di imprese in affiliazione commerciale che alla piccola dimensione associano anche un basso livello di rischio. Questo grazie anche alla Legge 185/2000 che permette di ottenere, per avviare e condurre un'impresa in franchising, mutui agevolati e contributi a fondo perduto, sia per gli investimenti, sia per le attività di gestione, per un ammontare massimo di 100 mila euro; e per la quota di fondi erogati con restituzione, c'è la possibilità di rimborsarli con un piano di ammortamento fino a dieci anni e con rate trimestrali posticipate.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016