Excite

Guida alle tipologie di prestito per gli studenti universitari

Le spese necessarie da sostenere per poter portare avanti gli studi accademici sono sempre più elevate, mentre le famiglie devono fare i conti con la crisi. Tuttavia esistono diverse formule ideate per aiutare i giovani a concludere gli studi o perfezionarli tramite la partecipazione ai master o all'adesione all'Erasmus. Orientarsi non è sempre facile, e la guida sulle forme di prestito destinate agli studenti universitari, ha lo scopo di aiutare nella scelta e nel reperimento delle informazioni.

Diamogli Credito e il prestito d'onore

Diamogli Credito e il Prestito d'onore sono entrambe forme di finanziamento ideate per sostenere gli studi degli studenti universitari, e per entrambe non è richiesta nessuna garanzia, ma è sufficiente essere iscritti ai corsi universitari. Tuttavia qui finiscono anche le analogie ed anche le modalità per potervi accedere sono differenti.

Infatti Diamogli Credito è il frutto di un accordo tra il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive e l'Associazione Bancaria Italiana (ABI), che prevede l'accesso a un finanziamento (fino a 6 mila euro), destinato esclusivamente ai giovani universitari italiani meritevoli, ovvero con una media di 24/30. I richiedenti non possono avere più di 35 anni. Invece i prestiti di onore vengono erogati sulla base di convenzioni tra alcune banche e i vari Atenei italiani (prima di iscriversi può essere utile vedere se ci sono delle convenzioni in corso), e possono essere subordinati o meno al raggiungimento di un livello minimo di votazione.

Linee guida alle modalità di accesso al prestito per gli studenti universitari - Per il finanziamento Diamogli Credito bisogna compilare l'apposita modulistica presso le segreterie delle proprie università, che attesteranno il requisito di studente meritevole e rilasceranno un codice necessario per inoltrare la domanda presso le banche che hanno aderito alla convenzione. Per le varie forme di prestito d'onore bisogna informarsi presso la segreteria sull'esistenza di convenzioni con alcuni Istituti di credito, che farà da tramite anche per l'inoltro della pratica di richiesta. Il prestito d'onore in media prevede un importo massimo erogabile pari a 5 mila euro. Inoltre, la restituzione avviene solo dopo il periodo di fruizione che coincide con la durata del corso di laurea, e può essere rimborsato in un orizzonte abbastanza ampio.

Esempi di prestito d'onore: Ad Honorem di Unicredit e Bridge di Intesa SanPaolo

Ad Honorem di Unicredit prevede un finanziamento fino a 5 mila euro, che non dovrà essere rimborsato durante il periodo di fruizione (che coincide con la durata del corso di laurea). Il periodo di sospensione del rimborso potrà essere prorogato di altri due anni. Invece per la restituzione potrà essere fissato un periodo che va da 1 a 15 anni. Le caratteristiche del prestito, e i requisiti per accedervi, dipendono dal tipo di convenzione stipulata dal proprio Ateneo con Unicredit, per questo bisogna informarsi obbligatoriamente presso la propria segreteria degli studenti. Le Università convenzionate sono:

  • Università di Bologna
  • Università degli Studi di Verona
  • Collegio di Milano
  • Atenei piemontesi gestiti da Corep
  • Alma Graduate School
  • Scuola d'arte e mestieri di Vicenza
  • Università LUISS di Roma
  • Università Luigi Bocconi di Milano

Bridge di Intesa SanPaolo fa parte dei prestiti di onore, ma prevede un periodo di sospensione della restituzione breve, pari a 12 mesi. Funziona come un conto corrente che permette di disporre della somma di denaro erogata a titolo di prestito (che può essere ridotta tramite dei versamenti). Anche in questo caso bisogna rivolgersi prima alla segreteria dell'Università, ed in caso di esito positivo, ci si dovrà recare presso una filiale di intesa SanPaolo. Le Università convenzionate sono:

  • Politecnico di Milano
  • Politecnico di Torino
  • Università Ca' Foscari Venezia
  • Università Commerciale Luigi Bocconi
  • Università Cattolica del Sacro Cuore
  • Università IUAV di Venezia
  • Università degli Studi di Torino
  • Università degli Studi di Milano
  • Università di Scienze Gastronomiche
  • Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM.

Per le Università più piccole?

Negli ultimi anni la definizione di accordi con finanziamenti agevolati per gli studenti universitari è diventata una prassi abbastanza comune. Per queste ragioni è sempre utile informarsi se la propria Università ha stipulato accordi con banche popolari o casse rurali.

Basta tenersi informati per approfittare delle varie opportunità

La sintetica guida sulle forme di prestito destinata agli studenti universitari, vuole essere un pratico e semplice strumento per potersi orientare nel reperimento di informazioni utili per sfruttare queste forme di finanziamento, ideate per andare incontro alle esigenze dei giovani studenti. La scelta è ampia anche grazie alla nascita di numerose tipologie di prestito ideate autonomamente dalle principali banche italiane.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016