Excite

Grecia: ai ferri corti con Ue

E' iniziato ieri a Deauville il G8. Sul tavolo diverse tematiche: la difficile successione del direttore del Fmi, ma anche focus sui debiti sovrani europei, in particolare su quello della Grecia, che recentemente sta attirando sempre più l'attenzione.

Lo scenario di una uscita della Grecia dall'euro ormai è sul tavolo, ha dichiarato la Commissaria europea per la pesca, Maria Damanaki. Non si sa bene se per intimidire il recalcitrante popolo greco, diviso al suo interno sulle misure di austerity, o se come chiara e fattibile possibilità.

Simon Hailey, docente di finanza alla Cass Business School ed esperto di politiche monetarie dell'EMU, l'ha definita una misura devastante, una vera follia, che lungi dall'alleviare i problemi del paese ellenico li aggraverebbe in quanto la nuova moneta sarebbe quasi certamente più debole rispetto all'Euro. Se la debolezza della nuova valuta servirebbe a far ripartire le esportazioni, dall'altro lato accrescerebbe i problemi legati al costo del prestito del governo greco, i cui tassi sarebbero ancora più elevati, in quanto gli investitori sarebbero ancor meno motivati a fare prestiti ad un governo insolvente e potrebbe persino portare ad un caos finanziario. In sostanza non verrebbe colpito solo il governo greco, ma anche le imprese.

Quella che si sta consumando con la soap opera tra Grecia e Ue è una vera e propria battaglia a suon di spot pubblicitari, promesse e poi smentite. E' evidente che sul tavole delle trattative c'è altro.

Ed è di ieri la dichiarazione di Jean Claude Juncker, che ha affermato che il Fondo monetario internazionale potrebbe non garantire gli aiuti alla Grecia il prossimo mese. La motivazione risiederebbe nella mancanza di garanzie, per almeno, i prossimi 12 mesi. Entro il 29 giugno Atene dovrebbe, infatti, ricevere 12 miliardi di euro. Il contributo del Fmi a questa nuova tranche dovrebbe essere di 3,3 miliardi. Se ciò non dovesse avvenire per mancanza di garanzie - ha detto Juncker - l'Europa dovrebbe metter mano al portafoglio per coprire la somma che il Fmi non paga.

Fonte:100destinos.com

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016