Excite

Grecia: abbassato il rating sul debito pubblico

La vicenda Grecia ha tenuto di nuovo banco anche nella giornata di ieri. Dopo le notizie di venerdì scorso sulla possibile uscita della Grecia dall'Eurogruppo, diffusa dal giornale tedesco Spiegel Online e smentita in seguito dal Ministro delle Finanze greco, oggi segue la decisione di S&P di abbassare il giudizio a lungo termine sul debito pubblico di Atene da BB- a B.

E, dulcis in fundo, è arrivato poi il turno di Moody's e Fitch. La prima ha messo i rating sovrani della Grecia sotto osservazione per un possibile dowgrande, mentre sul quotidiano tedesco, Sueddeutsche Zeitung, appare la notizia che Fitch sarebbe intenzionata nei prossimi giorni a seguire l'esempio di declassamento delle altre agenzie di rating.

Ma non è tutto, in quanto S&P informa che la valutazione potrebbe essere ulteriormente rivista al ribasso. Il governo ellenico non ha preso bene la notizia, bollata come una decisione senza ragioni, avvenendo in un momento in cui non ci sono stati nuovi sviluppi negativi.

Ma come interpretare la notizia della possibile uscita della Grecia dall'Eurogruppo? Come sottolineava l’economista Barry Eichengreen nel 2007, se entrare nell'euro rappresenta un processo relativamente semplice, il percorso inverso non è praticabile, in quanto il ritorno alla propria valuta coinciderebbe con un deprezzamento della stessa e con uno spostamento verso crediti di altri governi della zona, portando ad una crisi del mercato obbligazionario. Pertanto la notizia va interpretata come un segnale o una richiesta di ammorbidimento della politica della BCE nei propri confronti.

Fonte:standardandpoors.com

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016