Excite

Giappone: la ricostruzione sosterrà la ripresa economica

La Camera bassa del Parlamento giapponese ha approvato il bilancio d'emergenza di 4 trilioni di yen, pari a 48,5 miliardi di dollari, per la ricostruzione post terremoto e tsunami. Il bilancio dovrebbe essere promulgato in legge lunedi' dopo il via libera della Camera alta. I partiti d'opposizione che controllano la Camera alta hanno detto che voteranno a favore del piano di spesa, che prevede tra l'altro il finanziamento della costruzione di alloggi temporanei per chi e' rimasto senza casa.

Dopo il terribile terremoto e tsunami di marzo e la crisi nucleare ancora in corso, il Paese asiatico si sta riprendendo da una situazione difficile. Il Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria ha comunicato, la settimana scorsa, il dato relativo alla Produzione Industriale che a marzo ha fatto registrare un calo del 15,3% rispetto al mese precedente. Tale rilevazione e' risultata inferiore alle attese degli analisti che avevano previsto un valore negativo pari a 11,4 punti percentuali. Su base annuale lo stesso dato e' apparso in calo del 12,9% a fronte di un valore atteso pari a -8,5%.

Le prospettive per l'economia giapponese, che stavano migliorando nei primi mesi del 2011, sono cambiate drasticamente dopo il terremoto che ha colpito il nord-est dell'arcipelago l'11 marzo, ha detto giovedì scorso la BoJ nella sua relazione semestrale sull'economia giapponese. Dall'autunno 2011, tuttavia, la BoJ ha anticipato che la ricostruzione sosterra' la ripresa economica a un ritmo piu' veloce.

Durante l'esercizio successivo, da aprile 2012 a marzo 2013, l'economia giapponese dovrebbe continuare a crescere ad alte velocita', ha detto la BoJ, che ha alzato le sue previsioni di crescita per quell'anno di 0,9 punti percentuali, al 2,9%. La BoJ ha anche confermato che la deflazione che imperversa da due anni in Giappone, si interrompera' nel corso del 2011-2012, un anno di bilancio in cui si prevede un'inflazione media dello 0,7%.

Intanto proseguono i comunicati stampa sullo stato di radioattività nel paese asiatico. Una limitata quantità di sostanze radioattive è stata, infatti, rilevata nel latte materno di sette donne in Giappone, a seguito di un test governativo effettuato su un campione di 23 residenti di Tokyo e altre quattro prefetture a est e nordest della capitale. E secondo la Tepco ci vorranno tre mesi prima che il livelli di radioattività comincino a scendere.

(foto © strakerenemy.blogspot.com)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016