Excite

Pensare al futuro con i fondi pensionistici integrativi: cosa sono

I fondi pensionistici integrativi sono strumenti finanziari che hanno lo scopo di fornire una previdenza (o pensione) complementare rispetto a quella erogata dagli istituti pensionistici pubblici. Si può decidere se aderire a un fondo o sottoscrivere un PIP (Piano Previdenziale Individuale). Il PIP corrisponde in tutto e per tutto a un' assicurazione. Questi ultimi hanno il vantaggio, rispetto ai fondi pensionistici integrativi, di essere più flessibili. Essendo contratti stipulati singolarmente, il richiedente può decidere di non versare più il premio, o di variarne l'importo, senza che questo si ripercuota sul trattamento finale. Un altro vantaggio è la possibilità per chiunque di aderire a questi piani, anche se non si ha una posizione previdenziale aperta presso gli istituti pubblici. Per quanto riguarda invece la prima categoria sono fondi generalmente riservati a speciali categorie di lavoratori (come ad esempio il Cometa per i metalmeccanici o il Fonchim per i chimici).

La fonte dei contributi per i fondi può variare. Può essere corrisposta in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore, quando ci sono accordi (solitamente di carattere sindacale) in merito. Altrmenti, così come per i PIP, il versamento dei contributi spetta al solo lavoratore.

Lo Stato cerca di incentivare la sottoscrizione di fondi pensionistici tramite una legislatura fiscale agevolata. I contributi da versare al fondo sono infatti tassati in misura ridotta rispetto alle normali operazioni finanziarie, mentre il tfr (trattamento di fine rapporto) affluisce al fondo senza addirittura subire alcuna tassazione.

I contributi che confluiscono nel fondo pensione vengono poi investiti nell'ottica di una capitalizzazione. Si cerca cioè di fare investimenti che portino ad un aumento del capitale iniziale. I fondi non sono obbligati ad investire in strumenti che garantiscano un, seppur basso, certo interesse positivo. Può capitare quindi che, in fondi a capitale non garantito, le prestazioni del fondo non siano eccellenti. I fondi che però garantiscono il ritorno del capitale generalmente investono in stumenti si meno rischiosi, ma contemporaneamente meno redditizzi.

Ecco alcuni esempi di PIP:

Fondo Pensione Unicredit Banca

Come per tutti i PIP l'entità e la periodicità della contribuzione sono fissati dal richiedente in totale libertà. E' uno strumento flessibile, prevede vari piani di investimento (che sono più o meno remunerativi e quindi più o meno rischiosi) e almeno due piani di incasso. Si può decidere infatti di riscuotere quanto maturato sotto forma di rendita o di incassare il 50% al momento del pensionamento.

Valore Pensione di Generali Assicurazioni

Anche Generali Assicurazioni offre diversi comparti per scegliere l'investimento che più ci aggrada a seconda del rischio e del profitto che vogliamo avere. Inoltre l'analisi delle performance e dei conti è affidata ad una società esterna a Generali.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016