Excite

Finanziamenti, qualche distinzione

La richiesta di un finanziamento sempre più spesso è legata a spese improvvise, non solo per alimentare un progetto, un viaggio, un hobby o l’acquisto di un elettrodomestico, ma anche per affrontare spese mediche non previste o un’esigenza di liquidità immediata. Nel caso si tratti dell’acquisto rateizzato di beni e servizi ci troveremo difronte a finanziamenti finalizzati, mentre nelle altre ipotesi si tratterà di finanziamenti non finalizzati, come ad esempio i prestiti personali.

I finanziamenti non finalizzati come i prestiti personali non richiedono alcuna dichiarazione di utilizzo dell’importo erogato: il cliente della banca o della finanziaria erogante, infatti, non è tenuto a dichiarare la finalità della somma ottenuta. I prestiti personali sono particolarmente richiesti dai soggetti che necessitano di liquidità immediata e vengono concessi tramite accredito su conto corrente del beneficiario o assegno. I prestiti personali prevedono generalmente una rata mensile a tasso fisso per il rimborso del debito.

Tra le formule di finanziamento più richieste anche la cessione del quinto che è riservata ai lavoratori dipendenti o pensionati: il prestito in questo caso è caratterizzato da una rata di rimborso trattenuta direttamente dalla busta paga dal datore di lavoro. E’ quest’ultimo, infatti che, ha poi la responsabilità del saldo del debito residuo. Molto spesso, come garanzia del prestito ottenuto, il lavoratore mette a disposizione il proprio TFR. Esistono sul mercato società specializzate inoltre in finanziamenti a cattivi pagatori o protestati che offrono soluzioni di accesso al credito per questa particolare categoria di utenti.

(Foto @ Flikr.com)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016