Excite

Federal Reserve, tassi alzati dopo nove anni: Wall Street in rialzo

  • Getty Images

Storica decisione della Federal Reserve. La banca centrale degli Stati Uniti d'America aumenta i tassi d'interesse per la prima volta dal 2006. L'incremento è dello 0,25%, ma sono previsti ulteriori aumenti graduali, così come comunicato dalla stessa Fed.

La scelta della Federal Reserve mette così fine a quasi due lustri di cosiddetto denaro a costo zero, provvedimento preso per fronteggiare la crisi finanziaria. La decisione di oggi segna quindi la fine dello stato di emergenza.

Salvabanche, pensionato suicida a 78 anni

'Gli straoridanri miglioramenti del mercato del lavoro ed il fatto che l'inflazione si arrampicherà verso l'obiettivo del 2% sono alla base della nostra scelta', ha spiegato il Fomc, il comitato monetario della Federal Reserve.

La stessa banca centrale, però, frena sulle prospettive di breve e medio periodo. Chi si aspetta nuovi aumenti, magari massacci, da qui a poco tempo, è destinato a rimanere deluso.

'Le condizioni economiche evolveranno in una maniera tale da permettere aumenti graduali', si legge ancora nella nota della Fed 'Il tasso resterà al di sotto dei livelli attesi nel lungo periodo'.

Le prossime decisioni della Federal Reserve in merito ad eventuali aumenti del tasso d'interesse 'sono direttamente connesse al raggiungimento degli obiettivi in termini di occupazione ed inflazione'.

'Questa scelta segna la fine di un momento di emergenza', ha dichiarato Janet Yellen, presidente della Federal Reserve dal 2014 'Ci sono rischi connessi a mercati come quello cinese, ma l'economio americana ha dimostrato di essere abbastanza forte da riuscire a resistere ad eventuali contraccolpi'.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017