Excite

Evasione fiscale, spetta al Centro-Nord la maglia nera

Nel 2010 gli italiani non hanno dichiarato al fisco redditi per quasi 50 miliardi di euro. Precisamente 49,245 miliardi di euro, una somma cresciuta del 46% rispetto all'anno precedente. Il dato è contenuto nel rapporto annuale della Guardia di Finanza.

Per quanto riguarda l'economia sommersa, gli evasori scoperti dalle Fiamme Gialle sono stati 8.850 in totale (in aumento del 18% rispetto al 2009), persone e aziende che pur svolgendo attività economiche non hanno mai presentato una dichiarazione dei redditi e che nel 2010 hanno evaso redditi per oltre 20 miliardi (+47% rispetto al 2009) e Iva per 2,6 miliardi.

Circa 10,5 miliardi (quasi il doppio del 2009) sono stati evasi attraverso operazioni di esterovestizioni della residenza di persone fisiche o società. A ospitare i soldi di questi evasori principalmente Lussemburgo e Svizzera, dove è stato individuato oltre il 50% degli oltre 10 miliardi evasi. Infine sono 18.5541 (+12% rispetto al 2009) i lavoratori in nero utilizzati da 7.822 datori di lavoro di cui 5.508 di origine extracomunitaria.

Per quanto riguarda l'economia proveniente da attività criminale, nel 2010 la Guardia di Finanza ha sequestrato 4.828 beni della criminalità organizzata per un valore di oltre 3 miliardi, il 30% in più del 2009 e ne ha confiscati 542, per un valore di 142 milioni. Il 23% del valore dei sequestri è riconducibile a beni ed aziende del centro-nord.

Sono state inoltre arrestate 701 persone per riciclaggio e usura, mentre il denaro riciclato è pari a 3,2 miliardi. Sequestrate 20,5 tonnellate di sostanze stupefacenti (+61% rispetto al 2009), chiusi quasi duemila centri di raccolta di scommesse non autorizzate anche on line (il 166% in più rispetto all'anno precedente). Oltre 110 milioni i prodotti contraffatti. Si tarocca di tutto: dai ricambi delle auto ai caschi, dai farmaci ai cosmetici.

(foto © Freedigitalphotos.net)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016