Excite

Equitalia può pignorare il conto corrente?

  • Twitter @ilTestMagazine

Entrare nel conto corrente del debitore non è mai stato possibile finora neanche ad enti pubblici di riscossione di imposte e crediti: stando alla tesi del portale di informazione su temi giuridici laleggepertutti.it (ripresa da “Il Giornale”) Equitalia può invece accedere ai depositi dei privati per prelevare le somme dovute dal contribuente inadempiente.

Quali alternative alle banche ci sono oggi per i nostri risparmi?

Questo accadrebbe, secondo gli specialisti di consulenze legali, per mezzo di due diverse forme di procedura: ordinaria, con un passaggio obbligatorio di fronte al giudice tenuto a concedere o negare l’autorizzazione al pignoramento presso terzi delle quote assegnate (in base all’accertamento effettuato secondo l’iter previsto dalla legge) e speciale esattoriale che prescinde da qualsiasi tipo di ratifica del tribunale delle esecuzioni.

Nel secondo caso, l’esclusione della garanzia formale di un intervento dell’autorità giudiziaria apre la strada all’ordine diretto da parte di Equitalia nei confronti dell’istituto bancario di riferimento del debitore o della Posta, dopo 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento al diretto interessato.

(Novità sul pignoramento della pensione da parte di Equitalia: guarda il video)

Qualora il termine concesso ai fini dell’esecuzione decorra senza adempimento ad opera del destinatario dell’atto, l’Agente per la riscossione ha la facoltà pertanto di saltare l’intermediazione della magistratura rivalendosi in via immediata su quello che la legge in tale caso considera “debitore del debitore” e cioè la banca o le Poste.

Quasi sempre, sostengono gli autori dell’inchiesta che in queste ore sta facendo il giro della rete mettendo in allarme migliaia di contribuenti in difficoltà economiche, le vie scelte da Equitalia sono alternative all’azione diretta e a chiunque rischi il pignoramento viene generalmente offerta una tempistica favorevole alla chiusura “indolore” della cartella.

Nel caso in cui si tratti di trattamenti pensionistici, poi, è esclusa l’azione forzata sul conto corrente attraverso la procedura esattoriale speciale, mentre in generale il blocco degli accrediti può trovare argine nella tempestiva richiesta di dilazione del debito con rateazione su base mensile.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017