Excite

Ecco chi non deve presentare la dichiarazione dei redditi 2016

La Legge di stabilità ha rivoluzionato parecchi campi, non soltanto quello delle pensioni e del lavoro, ma anche quello delle tasse e del fisco. Ci soffermeremo su coloro che non sono obbligati a presentare il 730 o il Modello Unico. Ecco chi non deve presentare la dichiarazione dei redditi 2016.

Gli esonerati

Non tutti sono obbligati a presentare la dichiarazione dei propri redditi, esistono molti casi in cui si è esonerati dal compilare il Modello Unico o il 730. Nello specifico non dovranno presentare dichiarazione coloro che percepiscono non più di 4.800 euro l’anno (al netto dell’abitazione principale), coloro che percepiscono non più di 500 euro dal possesso di terreni o fabbricati e coloro che posseggono solo redditi derivanti dall’abitazione principale.

Scopri se Equitalia può pignorare il conto corrente

Sono esonerati dal presentare dichiarazione anche tutti coloro che percepiscono redditi di lavoro dipendente erogati da un solo datore di lavoro che versa le ritenute d’acconto. Lo stesso dicasi per i redditi che sono soggetti a imposta sostitutiva (vedi i titoli di Stato). E poi se il reddito complessivo non supera gli 8mila euro (sempre al netto della prima abitazione), ma deve provenire da un lavoro dipendente per un periodo di tempo non inferiore a un anno.

I casi speciali

Esiste inoltre un’altra categoria di esenti: coloro che percepiscono rendite Inail per invalidità permanente o per morte, alcune tipologie di borse di studio, le pensioni di guerra, le pensioni privilegiate erogate ai militari di leva, le pensioni, le indennità e gli assegni corrisposti agli invalidi civili, le pensioni sociali, i compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche, l’assegno periodico corrisposto dal coniuge e altre tipologie di reddito fatta esclusione dell’assegno periodico per il mantenimento dei figli, fino a un massimo di 7.500 euro.

Scopri le spese mediche detraibili per il 2016

Tuttavia, per maggiori informazioni è possibile consultare Guidafisco che elenca nello specifico caso per caso. E poi, naturalmente, rivolgersi al proprio commercialista di fiducia, onde evitare sanzioni. Va precisato che, generalmente, i commercialisti tendono comunque a consigliare di presentare la dichiarazione dei redditi anche se non obbligati, in modo da ottenere i rimborsi Irpef ai quali cui si ha diritto.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019