Excite

Crisi: incontro Ecofin sulla stabilità finanziaria dell'Ue

E' iniziata il 16 settembre la due giorni di vertice tra i responsabili economici dell'Unione europea. All'Ecofin ha partecipato anche il segretario di Stato USA, Timothy Geithner, che ha criticato le divisioni tra i paesi dell'area euro e Bce, mettendo in guardia dai rischi che comportano. Ha chiesto inoltre di aumentare la mole del fondo anti crisi. Al centro delle discussioni chiaramente la stabilità finanziaria dell'Unione Europea e le riforme del settore finanziario.

Grecia: la nuova tranche di aiuti ad ottobre

A nulla sono serviti i consigli e gli inviti di Geithner, al quale ha risposto con fare gelido il presidente dell'Eurogruppo Juncker, affermando che della questione l'Eurogruppo non parla con Paesi che non usano la valuta unica. La decisione più importante ha riguardato chiaramente il versamento della nuova tranche di aiuti alla Grecia, originariamente attesa entro settembre, che è stata rinviata ad ottobre. Non mancano, infatti, ancora i dissidi interni all'Eurogruppo, con alcuni stati, come la Finlandia, che hanno chiesto che siano rilasciate garanzie collaterali, in mancanza delle quali non concederanno prestiti.

Nuovo patto di stabilità in arrivo

Abbiamo in mano una bozza del compromesso che verrà adottata a breve sia dal Parlamento che dal Consiglio. Tutti i nodi sono stati risolti, tanto che la Commissione ha già dato il suo benestare, ha detto Jacek Rostowski, il ministro delle Finanze polacco. Il compromesso riguarda sei progetti legislativi che hanno il compito di rafforzare il patto di stabilità finanziaria e dare nuovi strumenti per monitorare l'andamento delle economie nazionali.Il pacchetto prevede nuove misure contro debito e deficit. Il parlamento avrebbe voluto sanzioni pressoché automatiche, salvo l'opposizione dei governi con una maggioranza qualificata. Jean-Claude Trichet, tuttavia, l'ha definito, un passo avanti molto significativo.L'approvazione del Parlamento dovrebbe giungere in plenaria il 28 settembre (nella speranza del centro-destra con il voto favorevole anche di molti socialdemocratici), mentre il benestare dei ministri finanziari è previsto per il 4 ottobre, durante un Ecofin in Lussemburgo.

Italia: il rating di Moody's ad ottobre

La capacità dell'Europa di trovare la via d'uscita dalla crisi in questo momento dipende molto dalla Germania, dalle decisioni e dalle posizioni che saranno prese nei prossimi giorni. Lo pensa il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, che così ha replicato ad una domanda sul buon esito dell'Ecofin. Tremonti ha aggiunto che l'Italia ha una piattaforma per il pareggio di bilancio e su quella piattaforma bisogna disegnare la visione del Paese per il prossimo decennio, non limitata a un anno, possibilmente in 3D e quindi viva e moderna. Intanto resta sempre sotto osservazione il rating dell'Italia Aa2 per un possibile downgrade. Lo ha affermato Moody's, l'agenzia internazionale di rating, che ha messo sotto osservazione il rating italiano il 17 giugno scorso e che cercherà di chiudere l'esame il prossimo mese.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016