Excite

Crisi, autunno 2014 "nero": le previsioni del Codacons su spesa e consumi

  • Twitter

di Simone Rausi

Rientrati dalle vacanze (per chi ci è stato) gli italiani davanti a sé vedono un futuro grigio, o meglio nero. Secondo le proiezioni del Codacons quella che ci aspetta sarà una stagione decisamente “low profile”. L’uscita dalla crisi che tanto si auspica e si annuncia non pare poi così vicina o, per lo meno, non passerà di certo per l’incremento degli acquisti. Un’economia che dovrebbe ricominciare a girare come si deve ma che invece si ritrova impantanata nelle incertezze ma soprattutto nella prudenza degli italiani, sempre più oculati e attenti ad ogni euro uscito dal portafoglio.

Crisi: come stava l’Italia nel 2012? VIDEO

Il Codacons è lapidario e prevede un autunno nero sul fronte degli acquisti. D’altronde i dati Istat sulla fiducia dei consumatori nel mese di Agosto sono risultati nuovamente in calo e se la tendenza a mettere mano al portafoglio si rivela in picchiata durante la bella stagione, con l’arrivo dell’autunno le previsioni non possono che peggiorare. Carlo Rienzi, presidente del Codacons, ratifica l’incertezza dei consumatori: “Se non c'è fiducia i cittadini saranno portati a rimandare gli acquisti a tempi migliori e a ridurre all'indispensabile i propri consumi. Per tale motivo, alla luce dei dati Istat, prevediamo un autunno nero sul fronte delle vendite e dei consumi, con una ulteriore riduzione che danneggerà fortemente il commercio già messo a dura prova dai tagli operati dalle famiglie italiane”.

D’altronde i numeri parlano chiaro: il mese di Agosto segna un’ulteriore decrescita nella fiducia dei consumatori che, per il terzo mese di seguito, cala ulteriormente passando da 104.4 a 101.9. A rendere tutto più incerto e meno speranzoso è il clima economico del Paese. Gli acquisti durevoli non vengono contemplati, le opportunità di risparmio si fanno più stringate e il portafoglio sempre più serrato.

Una notizia che non si ripercuote solamente sulla categoria direttamente colpita, quella dei commercianti (ormai arresi perfino alle regole dei saldi) ma su tutta la popolazione con un effetto domino. L’imperativo sarà “tagliare e risparmiare” e il Settembre ormai alle porte arriva in punta di piedi, nel segno dell’oculatezza e della spending review.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016