Excite

Cos'è l'Irpef

La manovra economica del Governo tecnico presieduto da Mario Monti, approvata alla fine dello scorso dicembre, non ha coinvolto - come si temeva e vociferava - le aliquote Irpef. D'altra parte, ha però lievemente ritoccato l’addizionale regionale sull’Irpef, portandola dallo 0,9 all’1,23 per cento. Ma cos’è l’Irpef? Lo spieghiamo subito.

Un'imposta progressiva sul reddito

Nata con la riforma tributaria del 1973, L’Irpef è l’imposta sul reddito delle persone fisiche. Ha carattere progressivo: viene calcolata, cioè, in base al reddito percepito dal lavoratore. Per quanto riguarda i lavoratori dipendenti e i pensionati, si effettua un prelievo mensile dalla busta paga e dalla pensione; i lavoratori indipendenti, invece, devono pagare annualmente in sede di dichiarazione dei redditi e in base all’imponibile maturato nel corso dell’anno precedente. Abbiamo visto cos’è l’Irpef; adesso vediamo il meccanismo che la determina, ovvero quello degli scaglioni (introdotto con la manovra finanziaria del 2007).

Sono cinque, divisi – appunto - a seconda del reddito: il primo è da 0 a 15.000 euro, il secondo da 15.000,01 a 28.000 euro, il terzo da 28.000,01 a 55.000 euro, il quarto da 55.000,01 a 75.000 euro. Nel quinto, invece, rientrano tutti coloro che guadagnano una cifra superiore ai 75.000 euro. A ognuno di questi scaglioni, dunque, si applica un’aliquota - cioè una tassazione sul reddito – specifica. Le aliquote possono variare di anno in anno; per il 2012 gli scaglioni sono rimasti invariati rispetto a quelli del 2011, ovvero:

  • da 0 a 15.000 euro: 23% di aliquota
  • da 15.001 a 28.000 euro: 3.450 euro + 27% sul reddito eccedente la prima aliquota
  • da 28.001 a 55.000 euro: 6.960 euro + 38% sul reddito eccedente la seconda aliquota
  • da 55.001 a 75.000 euro: 17.220 euro + 41% sul reddito eccedente la terza aliquota
  • da 75.001 a salire: 25.420 euro + 43% sul reddito eccedente la quarta aliquota

Innalzamento dell'addizionale regionale

Ecco cos'è l'Irpef. Ma non basta: come dicevamo, infatti, il "Decreto Salvavita" ha innalzato la quota base dell’addizionale Irpef regionale dallo 0,9% a l’1,23%: cosa significa? L’addizionale Irpef è un tributo in vigore dal 1998, che si aggiunge all’Irpef ed è destinato alla Regione in cui il contribuente ha il domicilio fiscale. Varia, dunque, di Regione in Regione. E l’attuale Governo ha deciso di aumentarla per finanziare la sanità. Le normative di tutte le amministrazioni regionali in termini di addizionali Irpef sono facilmente raggiungibili tramite il sito ufficiale del Ministero dell’Economica, che rimanda ai rispettivi link.

Angelo Dipalma

buongiorno, protreste fare un esempio di calcolo sul primo scaglione? la ditta è obbligato a pagarlo?

2013-07-11 11:38:25

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014