Excite

Cosa sono le obbligazioni bancarie

Per chi non ha molta conoscenza del mercato azionario cerchiamo di capire cosa sono le obbligazioni bancarie.

Di fatto sono dei prestiti che l'utente fa alla propria banca in cambio di un tasso d'interesse che varia e matura in proporzione alla durata del prestito stesso. Al momento sono gli investimenti maggiormente garantiti in quanto assicurano il recupero totale della somma investita anche in caso di grave crisi finanziaria.

Le obbligazioni bancarie sono di diversi tipi:

  • Obbligazioni a tasso fisso

Un esempio sono i BTP (Buoni del Tesoro Poliennali) emessi dal Tesoro con scadenza a 3, 5, 7,10, 15 e 30 anni. Hanno un tasso fisso, determinato al momento dell'acquisto e danno un rendimento annuale o semestrale, attraverso una cedola che viene versata direttamente su conto corrente. Inoltre se vi fosse la necessità immediata di liquidità si può vendere tutta la somma o parte di essa perdendo solo gli interessi che devono ancora maturare al momento della vendita. Naturalmente in questo caso ci può essere una certa flessibilità sul prezzo di vendita, rispetto al momento dell'acquisto, comunque si tratta di cifre minime. A chi fa questo investimento è consigliato di non anticipare la scadenza, per recuperare tutto il capitale e fruire interamente delle cedole d'interesse. Esse sono acquistabili a quote di mille euro e multipli di detta somma.

  • obbligazioni a tasso variabile

In questo caso prendiamo ad esempio i CCT, (Certificati di credito del Tesoro) a differenza dei precedenti, questi hanno un tasso di rendita variabile che segue l'andamento del mercato azionario pur essendo titoli di stato, infatti, dipendono dalle quotazioni dei BOT (Buoni Ordinari del Tesoro). Hanno una durata di 7 anni e non sono convertibili prima della scadenza. Sono consigliati quando la borsa è in rialzo lento ma costante, se così non è c'è il rischio di perdere il capitale iniziale. La cedola degli interessi è annuale o semestrale.

  • obbligazioni convertibili in azioni

Anche queste rientrano nella categoria delle obbligazioni, in più hanno l'opzione di potere essere trasformate in azioni dell'istituto d'emissione, se richiesto dall'acquirente. Non hanno cedole se trasformate in azioni, ma, percepiscono i dividendi guadagnati in borsa (se ve ne sono) quando salgono le quotazioni, diversamente si può perdere parecchio.

  • obbligazioni strutturate

Sono obbligazioni legate ad un titolo azionario, ovvero, vengono emesse come semplici obbligazioni e si possono legare ad un titolo o a un paniere di titoli. Se il titolo al quale sono legati aumenta la sua quotazione, oltre al rendimento dell'obbligazione si ha pure il rendimento azionario, se il titolo perde, non si acquisisce nessun dividendo se non quello dell'obbligazione stessa e non c'è rischio per il capitale. Per fare questo tipo di investimento bisogna avere una certa esperienza o un buon consulente finanziario, e in più è utile diversificare i titoli ai quali legare le obbligazioni. Si può guadagnare una discreta somma in base all'investimento iniziale.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016