Excite

Contratto di locazione: sanzioni per chi omette i dati catastali

Con Comunicato stampa 28 giugno 2010, Confedilizia ha segnalato che, come previsto dal D.L. n. 78/2010, dal 1° luglio è obbligatorio indicare i dati catastali degli immobili in sede di registrazione dei contratti di locazione e affitto di beni immobili nonché delle relative cessioni, risoluzioni e proroghe anche tacite. Al riguardo, l’associazione ricorda che l’Agenzia delle Entrate ha approvato due tipi diversi di modulistica: la nuova versione del Modello 69, nell'ambito del quale è stato inserito il Quadro D, da utilizzarsi per la registrazione dei nuovi contratti e il nuovo Modello CDC, da utilizzarsi, invece, per la comunicazione dei dati catastali in caso di cessioni, risoluzioni e proroghe di contratti in essere. L'Agenzia ha inoltre esteso l'adempimento in questione anche ai contratti di comodato.

La mancata o errata indicazione dei dati catastali nelle richieste di registrazione può comportare una sanzione che va da un minimo del 120% a un massimo del 240% dell'imposta di registro dovuta.

E' evidente che il debutto dei dati catastali nella registrazione dei contratti d'affitto e comodato è teso a far emergere gli immobili fantasma ossia le case di proprietà che non risultano al catasto e/o al fisco. Tuttavia proprio con l'ultima finanziaria, di questo dicembre, è stato accolto un odg (ordine del giorno) di Cosimo Izzo (Pdl) che proroga fino al 31 dicembre 2011, il termine per la regolarizzazione di tali immobili.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016