Excite

Conti correnti dormienti, fino al 31 maggio si possono svegliare

I conti correnti dormienti sono conti bancari, postali e altri tipi di depositi e strumenti finanziari sui quali non sono state fatte operazioni da almeno 10 anni.

Sul sito del ministero dell'Economia è possibile consultare l’elenco completo inviato dalle banche e da Poste Italiane di tutti i conti che sono entrati a far parte della categoria dei dormienti da agosto 2007 a dicembre 2008.

L’importo complessivo di questi conti correnti supera i 47 milioni di euro, niente in confronto dell’elenco precedente che superava gli 800 milioni di euro.

Per sapere se si ha un conto corrente dormiente intestato basta inserire nel motore di ricerca nome e cognome oppure, nel caso lo si abbia ancora, il numero di riferimento del conto.

Fino al 31 maggio c’è tempo per risvegliare il proprio conto corrente, rivolgendosi all'istituto di credito o alle Poste. Per rendere di nuovo operativo il conto corrente basterà effettuare un’operazione qualsiasi, ad esempio un prelievo o un versamento o addirittura richiedere solamente un estratto conto.

Dopo quella data le banche dovranno trasmettere le risorse non reclamate in un fondo creato dal ministero dell’Economia che servirà a finanziare progetti nell’ambito sociale.

Una parte del ricavato dei conti dormienti non riscossi servirà infatti a fornire indennizzi a chi ha subito frodi finanziarie, a pagare la social card, a finanziare la ricerca ed altro.

Dal 1 giugno, in realtà, sarà possibile richiedere il rimborso per altri 10 anni ma bisognerà contattare direttamente il ministero dell’Economia e questo comporterà pratiche burocratiche più complesse.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016