Excite

Commodity: zinco e argento volano nella settimana al 6%

Settimana di recupero per le principali materie prime. A farla da padrona soprattutto gli acquisti su metalli e beni energetici. Su scala settimanale lo zinco guadagna il 6,39%, il Palladio guadagna il 2,01%, il rame l'1,80%, l'oro lo 0,53%, mentre il gasolio è in positivo del 3,56% e il Nymex Heating Oil del 3,41%.

La ventata di acquisti sembra maggiormente giustificata dall'eccessiva paura che ha contraddistinto queste settimane. A spingere al ribasso i grain e soft soprattutto i rischi di rallentamento dell'economia provenienti da Cina e USA e i rischi per il default della Grecia.

L'indice Prometeia ad aprile ha confermato una relativa stabilizzazione dei prezzi delle commodities sia pure in modo disomogeneo nei diversi comparti dell'industria manifatturiera. Secondo Macquarie Research, inoltre, l’agflazione (l’inflazione spinta dalla crescita dei prezzi dei prodotti agricoli) nel prossimo trimestre dovrebbe rallentare la sua corsa anche se ci vorranno circa sei mesi perché il calo delle quotazioni possa arrivare al livello retail.

Nel dettaglio, Macquarie ha confermato la view rialzista nel breve periodo sul granoturco a causa dell’alto livello di scorte e delle condizioni meteo negli Stati Uniti; in probabile crescita anche il prezzo del grano a causa della siccità in Europa. Possibili cali invece per la soia, vista l’abbondanza della produzione Sud americana e le scarse richieste dalla Cina, per lo zucchero e per il cotone.

Recentemente, però, Goldman Sachs e Morgan Stanley hanno nuovamente alzato più del 20% le loro previsioni sull'andamento dei prezzi del petrolio, suggerendo di comprare al contempo anche argento e zinco, cosa che ha fatto schizzare i loro prezzi sopra al 6,00% su scala settimanale. Parole molto dure sono state rivolte da Fadel Gheit, analista di Oppenheimer, durante un'intervista alla Tv di Bloomberg, in quanto, a suo dire, Goldman e Morgan Stanley agiscono con le loro stime da manipolatori, richiedendo la necessità di un intervento del governo. Ricordiamo, infatti, che appena qualche settimana prima le due società si erano espresse negativamente sulle stesse commodity.

Fonte:monex.com

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016