Excite

Carte di credito: ancora poche in Italia

Dal Rapporto Annuale del contribuente 2010 emerge che 3,7 milioni di persone stanno ancora pagando i debiti contratti nel Natale precedente, cioè un contribuente su 10 non ha ancora saldato i debiti di un anno fa. Anche in occasione di questo Natale, l'Associazione Contribuenti Italiani stima che saranno 3,4 milioni i cittadini che faranno il passo più lungo della gamba, contraendo debiti. Per Vittorio Carlomagno, presidente dell'Associazione Contribuenti Italiani, le carte di creditorappresentano un serio problema, in quanto sono sempre di più le persone che contraggono debiti senza poterselo permettere.

Pur restando il problema, è vero, però, che in Italia, così come emerge dai dati forniti da Assofin e Crif per l’Osservatorio sulle Carte di Credito, l'utilizzo di carte di credito risulta essere ancora inferiore rispetto agli altri paesi europei, specie della zona occidentale e rispetto all'anno precedente il numero di carte di credito e debito è praticamente invariato.

Ciononostante il numero delle transazioni effettuate con le carte di credito risulta essere superiore (circa 570 milioni, per un aumento dell'8,9%), e anche il volume totale di denaro così mosso è in aumento (56 miliardi di euro, +2,8%). In aumento anche le operazioni effettuate tramite carta di debito(+3,3%). Calo di utilizzo invece per le carte rateali, a causa del periodo di crisi economica, che ha portato gli italiani ad essere più attenti e prudenti nei confronti delle forme di acquisto tramite finanziamento. Il trend, invece, delle carte prepagate, è in aumento, hanno allungato il passo sulle “rivali”: +12%.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016