Excite

Carte di credito revolving: cosa sono e dove richiederle

Le carte di credito revolving sono state al centro di accese polemiche nei mesi scorsi per i tassi d'interesse da usura applicati dalle varie finanziarie. Qualcosa si è messo in movimento per cambiare questa situazione, ma non abbastanza. E, fino ad ora, l'unico risultato concreto è stato il blocco del rilascio delle carte di credito della American Express; poco, ancora, per poter affermare che le carte di credito revolving siano convenienti.

Una carta di credito revolving è a tutti gli effetti un prestito personale concesso da un ente finanziario che mette a disposizione una certa somma che è possibile, per il titolare della carta, utilizzare liberamente. Ad esempio, utilizzando una carta di credito revolving con tetto di 5.000 euro si potrà decidere di spendere tutta la somma in un'unica volta oppure per degli acquisti rateali, o di non utilizzarla per nulla.

Il rimborso del debito avviene tramite rata mensile fissa, solitamente compresa tra 30 e 100 euro, oppure variabile, a partire dal 3% del debito da risarcire. Si può anche scegliere una rata di importo maggiore, semplicemente avvisando 10 giorni prima del pagamento l'emittente della carta.

Gli alti interessi richiesti dalle finanziare per il rimborso del debito hanno reso la carta di credito revolving facile da richiedere e da ottenere, anche senza averne piena coscienza. È particolarmente diffusa la pratica di abbinare ad un finanziamento concesso per l'acquisto in un bene (ad esempio un TV, un computer o un'automobile) anche una carta di credito revolving, utilizzata spesso per la rateizzazione.

Le garanzie richieste sono poche: anche uno studente o una casalinga può richiedere una carta revolving. E alcuni istituti finanziari rilasciano la carta anche per cattivi pagatori o senza una busta paga certificata. In quest'ultimo caso è comunque necessario dimostrare di essere in grado di pagare le rate (basta un contratto d'affitto regolare e una fotocopia delle bollette che attestano il pagamento di elettricità e gas) oppure avere un garante.

Qualunque società finanziaria può emettere una carta di credito revolving, appoggiandosi al circuito VISA o MasterCard. Basta recarsi presso una filiale di qualsiasi banca, anche se è consigliabile fare riferimento all'istituto bancario dove si possiede già un conto, e chiedere informazioni allo sportello.

In alternativa si può richiedere una carta revolving direttamente online: Barclays Bankpermette di sbrigare tutte le pratiche tramite internet e di ricevere la carta di credito revolving direttamente a casa.

(photo © Eleumus Samael su Flickr)

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016