Excite

Canone Rai in bolletta: si pagherà anche nelle seconde case e in quelle sfitte?

  • Youtube

di Simone Rausi

Emergono ulteriori dettagli sulla nuova versione del canone Rai, la tassa più evasa dagli italiani. Dopo la notizia secondo la quale il canone verrà inviato con la bolletta dell’elettricità, si arriva oggi alla conclusione che – secondo quanto disegnato dal governo – anche le seconde case riceveranno nella casella della lettere un ulteriore bollettino da pagare.

Canone Rai: non pagare è possibile se hai queste caratteristiche

Se infatti al momento il canone è legato unicamente al possesso di un televisore e/o di una radio, prossimamente qualsiasi apparecchio in grado di riprodurre un contenuto Rai (pc, tablet, smartphone) sarà legato alla tassazione del canone. Il canone legato alla bolletta dovrebbe quindi arrivare anche negli immobili che non rientrano nella prima abitazione: seconde e terze case anche sfitte. La notizia è che il canone, in questo caso arriverà in modalità ridotta.

L’unica via percorribile per aggirare il pagamento della tassa è quello di dimostrare il mancato possesso di qualsivoglia apparecchio in grado di intercettare il segnale radiotelevisivo o riprodurre i contenuti Rai. L’utente che, ad esempio, non ha alcun televisore o radio nella casa al mare, dovrà farlo sapere alla Rai tramite raccomandata. A quel punto, la Guardia di Finanza autorizzata dall’Agenzia delle Entrate potrà controllare con delle indagini la veridicità di quanto dichiarato dal cittadino. Al momento tutto è in fase di ipotesi da parte del governo ma sono già diversi i partiti schierati contro queste modalità di tassazione, dalla Lega Nord al Nuovo Centro Destra. Su tutti pesa anche il giudizio dell’Autorità per l’energia che bolla la nuova modalità di riscossione come “impropria e di difficile applicazione in grado di creare maggiore difficoltà nella comprensione della bolletta”.

Ancora più duro il presidente di Assoelettrica che ha addirittura parlato di “abominio” sottolineando quanto enormi sarebbero i costi di gestione di tutta la faccenda. Ma veniamo alla questione principale: i soldi. Quanto costerà il nuovo canone Rai? Pare che dagli attuali 113.5 euro si passerà a una cifra compresa tra i 50 e gli 80 euro (declinabili poi in versione ridotta anche per il numero di ulteriori abitazioni). Le famiglie che dovessero presentare un reddito annuo inferiore ai 7500 euro, invece, potrebbero avere diritto a un’esenzione totale.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016