Excite

Il canone Rai e l'Agenzia delle Entrate: alcuni benefici

L'imposta per il canone Rai che l'Agenzia delle Entrate riscuote secondo tariffe stabilite dal Ministero per lo Sviluppo Economico in Italia è uno dei più bassi d' Europa. Esistono comunque forme di esenzione e di agevolazioni di vario tipo per chi possiede i requisiti richiesti. Le leggi a cui fare riferimento sono la Legge Finanziaria del 2008 (Legge del 24 dicembre 2007 n. 244) e il Decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78.

    Youtube.com

Agenzia delle Entrate: agevolazioni ed esenzioni

Il canone Rai versato all' Agenzia delle Entrate è il pagamento dovuto per l'abbonamento Tv, cioè per i programmi televisivi in chiaro che vengono trasmessi. Vi sono però delle agevolazioni che l'Agenzia delle Entrate ha predisposto: infatti in base alla Legge n. 244 del 2007 è concessa l'esenzione ai cittadini che compiono i 75 anni di età entro il termine del pagamento del canone e il cui reddito, sommato a quello del coniuge, non supera i 6.713,98 euro. Nell'abitazione, inoltre, non devono essere conviventi altre persone che percepiscono alcuna fonte di reddito ed è determinante che la casa sia quella in cui il titolare del canone ha stabilito la sua residenza.

Se l'abbonamento è già stato pagato da chi ha diritto all'esenzione sul sito dell'Agenzia delle Entrate è disponibile il modulo per richiedere il rimborso. La domanda di rimborso puo' essere spedita tramite raccomandata all'Agenzia delle Entrate – Ufficio Torino 1 Sat – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 - 10121 – Torino oppure consegnata a mano presso un ufficio territoriale dell'Agenzia delle Entrate.

Esiste, inoltre, una diversa agevolazione volta ad aiutare i titolari di pensione il cui reddito nell'anno precedente non è stato superiore a 18.000 euro: si tratta della possibilità di pagare il canone attraverso una trattenuta effettuata dagli enti pensionistici. La modalità di presentazione della domanda è stabilita dall'ente pensionistico a cui si deve fare riferimento.

Richiesta esenzione solo il primo anno

Chi ha diritto all'esenzione dal pagamento del canone Rai invia all' Agenzia delle Entrate un modulo contenente la richiesta del beneficio accompagnata da un documento ma soltanto il primo anno. Successivamente, infatti, l'esenzione avviene in modo automatico mentre in caso di perdita dei requisiti il titolare dell'abbonamento Tv deve effettuare il versamento dovuto.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016