Excite

Borse europee in rosso, la crisi economica c’è e si fa sentire

Brutte notizie per le borse europee che aprono questa ultima giornata di ottobre in rosso.

Sono i titoli bancari i protagonisti di questa nota negativa: gli istituti di credito dell’Eurozona dovranno assorbire le perdite sui bond di Stato dei Paesi a Rischio per cui Milano perde l’1%, Parigi, scende all’1.3%, Francoforte apre con un -0.99% e con l'indice Dax a 6.283,19 punti.

Ancora tensione sui titoli di Stato: lo spread tra il BTp e il bund tedesco salgono a 392 punti e l’interesse sul decennale sale al 6.07%. In questa nuova situazione, ad essere più colpite tra le banche italiane, emergono Banca IntesaSanpaolo, Monte dei Paschi di Siena e Unicredit.

Per l’Italia nessuna notizia positiva dove anche la Fiat apre in rosso. Anche l’euro perde rispetto aldollaro, la moneta europea viene scambiata a 1,4031 dollari, meno rispetto a venerdì scorso quando il valore si attestava 1,4160.

Petrolio, idem: calo a New York. Il barile cede lo 0.7% a 93.32 dollari

La crisi è in atto e si fa sentire, soprattutto in Europa, Van Rompuy e Barroso, Presidente di Consiglio e Commissione Europea, in una lettera ai “colleghi” del G20, chiedono “aiuto per tutti” e, a tal proposito, l’FMI annuncia che sono in corso attività per sostenere i paesi attualmente più bisognosi.

Gli impatti negativi e i contrasti a delle risoluzioni comuni ci sono. Londra fa sapere che non ha aiuterà il fondo Salva Stati, nemmeno attraverso il FMI, anche New York pare titubante, alla luce della crisi americana che Obama deve affrontare.

Buone notizie collaborative giungono da Russia, che è pronta a fornire il suo sostegno attraverso il FMI, titubante il Giappone che è intenzionata a valutare con attenzione prima i dettagli del fondo “salva –Stati”.

finanza.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016